Utente 866XXX
Un mese e mezzo fa ho curato una carie sul sesto molare superiore vicina al quinto. Dopo l'otturazione continuavo a sentire dolore e mi sono recata nuovamente dal dentista:ha scoperto un'altra piccola carie sempre sul sesto nella parte posteriore e ha addotto quest'ultima come causa. Da circa due settimane però sento nuovamente dolore e il dentista dice che è un fattore di sensibilità.
Mi ha già fatto una lastrina la precedente seduta da cui risultava tutto a posto (la lastrina però non si era sviluppata perfettamente). Più che un vero e proprio dolore è un fastidio continuo, che aumenta alla stimolazione della lingua. E' anche un dolore abbastanza diffuso, nel senso che si trasmette anche ai denti vicini. Sono preoccupata, ho paura che la carie non sia stata adeguatamente trattata o che il quinto molare adiacente a quello trattato di recente, poichè in passato avevo subito un'otturazione molto profonda, sia il vero responsabile di questa sintomatologia.
Ho il prossimo appuntamento appena tra un mese, come faccio a capire se è un dolore derivato da carie o una semplice sensibilità come afferma il dentista?
Grazie mille
[#1] dopo  
92250

Cancellato nel 2012
Gentile paziente,
la sensibilità dopo un'otturazione è relativamente frequente, soprattutto se l'otturazione è stata fatta con i compositi, materiali molto belli ma che, in virtù di una piccola contrazione cui vanno incontro mentre "induriscono", possono non sigillare perfettamente la cavità e dare un po' di sensibilità. Ciò nonostante, non posso esludere che sia il quinto ad essere cariato o ancora che il sesto non sia stato "pulito" molto bene, ma tutto questo si può valutare sono con le lastrine o, quanto meno con una visita dal dentista. Cmq se si dovesse trattare di semplice sensibilità post trattamento, dovrebbe regredire in meno di un mese. Il rischio è che o il quinto o il sesto vadano devitalizzati, ma sono sicuro che il tuo dentista saprà fare le giuste valutazioni.

A presto
[#2] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
grazie mille per la celerità, ma essendo passato già più di un mese dall'otturazione devo dedurre che non si tratti di semplice sensibilità?
Se aspetto un altro mese la situazione potrebbe peggiorare molto?
[#3] dopo  
92250

Cancellato nel 2012
Purtoppo l'evolversi di questo fastidio non è facilmente prevedibile, potrebbe regredire e non darti più fastidio o, ahimè, potrebbe farti un po' più male. In tal caso potrebbe essere inevitabile una devitalizzazione. Il fatto che sia passato già più di un mese mi induce a pensare che forse sarà necessaria un'altra ripulitina, o al quinto o al sesto, ma purtoppo senza almeno un'immagine radiografica non posso esserti molto di aiuto. Cmq se il dolore dovesse peggiorare corri dal tuo dentista e chiedigli di visitarti in giornata.
[#4] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
dimenticavo di dire che il dottore mi ha consigliato un gel contro la sensibilità, può essermi utile? il fastidio è più al passaggio della lingua che agli sbalzi termici.
[#5] dopo  
92250

Cancellato nel 2012
Il gel può esserti un po' di aiuto. Al di sotto dello smalto del dente, tra lo smalto e il nervo, c'è un tessuto che si chiama dentina, la quale contiene al suo interno dei piccoli tubuli: se il materiale dell'otturazione non ha sigillato per bene questi tubuli, il passaggio della lingua può determinare, per osmosi o per cambi di pressione, il passaggio di fluidi attraverso questi tubuli che comunicano con il nervo sottostante. Questa stimolazione del nervo comporta dolore. Con il tempo questi tubuli si possono chiudere da soli e quindi farti passare il dolore, oppure, viceversa, il nervo può infiammarsi ancora di più e quindi si può rendere necessaria una devitalizzazione, cioè l'asportazione del nervo da dentro il dentino.
[#6] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
ma prima di arrivare alla devitalizzazione, non conviene rifare l'otturazione? in tal caso è meglio rifarla subito?
[#7] dopo  
92250

Cancellato nel 2012
purtoppo queste valutazioni possono essere fatte solo con una radiografia, dalla quale possiamo capire se il dente va solo riotturato, va devitalizzato, o può restare così com'è (che è la cosa più probabile).Se hai l'opportunità di fare una lastrina subito è meglio, così ti togli anche il pensiero, ma se il fastidio per te non è fortissimo e non ti sembra peggiorare, puoi anche aspettare.
[#8] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio davvero molto per gli utili consigli, mi piacerebbe trovare un dottore altrettanto disponibile ed attento nella mia città!
[#9] dopo  
Dr. Angelo Rossi
24% attività
0% attualità
12% socialità
NOVATE MILANESE (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
gentile Utente 86615,
ha percaso notato ristagno di cibo tra il dente curato ed i suoi denti adiacenti. Provi a passare delicatamente il filo interdentale nelle zone interprossimali con il 5° ed il 7°, se il filo passa troppo facilmente il problema potrebbe essere il punto di contatto tra i denti. Se il punto di contatto non è ben eseguito il cibo si infila tra i denti e può creare molto fastidio.

Purtroppo come già detto dal collega dott. Langone l'ideale sarebbe eseguire una visita con eventuale radiografia dell'elemento in questione.
saluti
[#10] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore, passo il filo interdentale dopo ogni pasto, quindi non si tratta di residui di cibo. Il fastidio è continuo e si accentua al passaggio della lingua. Inoltre ho notato una particolare sensibilità al dolce. Insomma sembra quel dolorino tipico di una carie che però dovrebbe essere curata. Sto applicando il gel specifico ma senza particolari migliorie.
Come mi devo comportare? Non vorrei la situazione si aggravasse durante il periodo festivo quando non è possibile reperire specialisti!
[#11] dopo  
Dr. Angelo Rossi
24% attività
0% attualità
12% socialità
NOVATE MILANESE (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Purtroppo senza visita e senza RX Endorale è difficile darle la soluzione, potrebbe semplicemente essere un precontatto in masticazione. Va sicuramente rivista l'otturazione, chieda al suo odontoiatra.
Saluti
[#12] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Il dentista mi ha dato un'occhiata e ha detto che non vede nulla e mi ha detto di tornare dopo le vacanze..mi consiglia di aspettare o rivolgermi ad altri?
[#13] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Come dice il dott. Rossi la causa potrebbe essere un precontatto. Però una domanda uno stimolo freddo è sentito dal dente? quanto dura?
Grazie
Daniele Tonlorenzi
[#14] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno, come faccio a valutare la sensibilità al freddo? Sciacquando con acqua fredda non sento particolare dolore, il fastidio aumenta invece con il dolce.
[#15] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Il fastidio continua ad essere persistente. Facendo passare aria fredda effettivamente sento un indolenzimento. Per pressione della lingua (ma non sempre) sento come una specie di punzecchiatura all'interno del dente. Mi consigliate di aspettare ulteriormente?
[#16] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Assolutamente no. Deve farsi rimuovere l'ultima otturazione e controllare i denti adiacenti. Al più presto, Dai sintomi da Lei riferiti si dovrebbe trattare o di infiltrazione da contrazione (distacco di una parte di otturazione in pratica)o di altra carie ancora presente.
A presto
[#17] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
L'infiltrazione è visibile con rx endorale o devo cmq far rimuovere l'otturazione per controllare?
[#18] dopo  
92250

Cancellato nel 2012
in genere una buona radiografia endorale è già in grado di mettere in evidenza una infiltrazione o un'ulteriore carie
[#19] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
I materiali usati per l'otturazione possono comunque (anche senza recidiva di carie) provocare necrosi della polpa (nervo).
Daniele Tonlorenzi
[#20] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
quindi l'ipotesi di semplice sensibilità è da escludere e perchè?
[#21] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Per email personalmente non escludo nulla, però la sensibilità alla pressione della lingua un pò lascia pensare.
Daniele Tonlorenzi
[#22] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
In tal caso sarà necessario quale tipo di trattamento?
[#23] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
mi chiedevo inoltre qual è la procedura per avere una corretta diagnosi:l'rx endorale è sufficiente?
[#24] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Si usa il test al caldo ed il test al freddo. Si stimola il dente con un cotone su cui si è spruzzato lo spray freddo, appena si sente si toglie il batuffolo di cotone e la percezione del freddo si deve sentire per 1-2 secondi. Se non si sente o se il freddo dura a lungo si deve devitalizzare il dente. Può sostituire il cotone con un cubetto di ghiaccio. Se il dolore è solo alla compressione probabilmente dovrà devitalizzare il dente.
Saluti
Daniele Tonlorenzi
[#25] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
il dolore da compressione è indice di necrosi della polpa? chiedo comunque l'rx o basta il test di sensibilità al freddo?
[#26] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Potrebbe esserlo, nei casi iniziali la Rx potrebbe non evidenziare la necrosi.
[#27] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
gentilissimo dottore, questo pomeriggio mi recherò dal dentista: quali sono gli accertamenti che mi consiglia di chiedere per passare delle vacanze "tranquille". grazie mille per l'aiuto!
[#28] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Dall'esame al freddo , verificando precontatti e dalla radiogafia il dentista non ha riscontrato nulla,
Cos'altro può essere?
[#29] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Mi arrendo, senza vederLa non saprei proprio.
Daniele Tonlorenzi
[#30] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Ho trovato che il composito utilizzato per grandi otturazioni nei denti posteriori, estese fino nelle zone interdentali, può essere problematico. Delle volte si può assistere ad una perdurante sensibilità del dente alla masticazione, per la quale fino ad oggi non è stata trovata una spiegazione. Un ulteriore problema è la contrazione della resina durante la polimerizzazione, che nelle cavità profonde può risultare in microscopiche imprecisioni della chiusura marginale.

Può essere questa la causa del mio problema?
In tal caso basta rifare l'otturazione o si rende necessaria la devitalizzazione?
[#31] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Volevo comunicare che la mia sintomatologia perdura: fastidio che si aggrava per contatto con sostanze acide-zuccherine e per stimolazione della lingua (a volte sento come una punzeccatura proprio sul nervo) nella zona di contatto tra i due denti.
Mi chiedevo cosa potesse essere in quanto l' Rx endorale non ha evidenziato nulla.
[#32] dopo  
Dr. Giovanni Ventimiglia
24% attività
0% attualità
12% socialità
MONASTERACE (RC)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Senza dubbio l'otturazione e' da rimuovere data la persistenza e il tipo di sintomatologia la necrosi o la compromissione della polpa e' visibile solo ad otturazione rimossa. Un saluti e buone feste
[#33] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Non trovo odontoiatri che esercitano fino a dopo le feste. Il fastidio non è insopportabile però sono preoccupata, posso aspettare? a chi ci si può rivolgere in situazioni di emergenza?
[#34] dopo  
Dr. Giovanni Ventimiglia
24% attività
0% attualità
12% socialità
MONASTERACE (RC)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile Utente se il fastidio e' sopportabile puo' attendere tranquillamente il rientro del suo odontoiatra eventualmente le cose si complicassero si puo' rivolgere ad una struttura ospedaliera con annesso reparto di odontoiatria. Un saluto e Buone feste
[#35] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Se va in vacanza magari si procuri un antidolorifico (uno qualsiasi) ed un antibiotico (nel caso gonfiasse la gengiva). Di solito si acquistano ad uso "scaramantico" e quando si hanno non servono mai.
Buone feste
Daniele Tonlorenzi
[#36] dopo  
Utente 866XXX

Iscritto dal 2008
Vi aggiorno sulla situazione: il fastidio era iniziato ad essere lieve, ma il dottore mi ha comunque aperto il quinto superiore, nonostante io avessi detto di avvertire il fastidio al sesto, per dare un' "occhiata". Sta di fatto che senza dirmi nulla me l'ha aperto e credo devitalizzato (ieri). Da ieri mi è ricominciata la sintomatologia: è legata al dolore post devitalizzazione (possibile che avverta anche sensibilità al freddo?) o potrebbe essere il molare sesto, vicino al dente trattato, essersi "riattivato"?
Sento come una fastidiosa sensibilità premendo con la lingua nella zona interdentale. Inoltre non mi è stata eseguita una lastrina a fine della seduta, è normale?