Utente 458XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 25 anni e mi è stata diagnosticata la s. di Kienbock allo stadio 3b da tre diversi specialisti in chirurgia della mano. Il primo specialista, basandosi su RX e RM mi ha consigliato una protesi in silicone in sostituzione del semilunare necrotico. Il secondo specialista, basandosi su RX, RM e Tac da lui richiesta, mi ha consigliato una terapia conservativa che mi avrebbe accompagnato ad un intervento di resezione della prima filiera. Il terzo specialista ha voluto approfondire la situazione procedendo ad un'artroscopia di polso che ha evidenziato la frattura del piramidale ed una condropatia di 2° grado al capitato e al radio, oltre ovviamente a necrosi e frattura del semilunare. Con quest'ultimo specialista ho concordato per la resezione della prima filiera del carpo.
Vorrei avere una prognosi su questo intervento e semmai prendere in considerazione alternative.
Grazie e buona giornata.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

di norma tale intervento ripristina una buona funzionalità del polso, anche se risulta leggermente più accorciato (se confrontato con quello controlaterale).

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 458XXX

Iscritto dal 2017
Grazie mille Dr. Leccese!
Per una prognosi a lungo termine cosa garantisce questo tipo di intervento? Il chirurgo che dovrà operarmi mi ha dato una durata variabile dopo la quale possono entrare in gioco altri fattori come l'artrosi.
Grazie, buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Vanno bene anche nel tempo.