Utente 458XXX
Mi piacerebbe, cari medici, poter avere un vostro aiuto.

Come da titolo di apertura, alzandomi bruscamente con una escursione in altezza abbastanza ampia , ho preso una capocciata fortissima nella parte superiore DX della testa.Mi è subito uscito un piccolo pallino-bernoccolo. Il giorno seguente ho fatto visita al mio medico di famiglia che tastandomi e valutando la descrizione di come è avvenuto e il fatto che non sia svenuto e non abbia problemi neurologici e anche vomito ha detto di stare tranquillo e che una TC o esame RX non erano necessari secondo lui.

E' vero che non vi è affossamento osseo, però oggi a DISTANZA DI 8-9 GIORNI dall'accaduto ancora al tatto sento un "palino" che non si muove ed è duro quanto l'osso del teschio. Insomma: non vorrei che questo pallino sia l'osso.
Il mio medico sosteneva fosse l'esito dei tessuti sottostanti il derma che per la botta si sono accresciuti e che il quadro rientrerà, il problema è che vorrei chiederle...
DOMANDA: ma è possibile che, trattandosi di tessuto e non di osso, toccandolo non si muova? L'immobilità di questo pallino ancora dolente (e durissimo) mi preoccupa e fa sospettare sia un problema osseo e non tissutale.

Grazie per rispondermi in questo periodo di ferie (tra l'altro anche il mio medico è in vacanza e per questo non saprei a chi chiedere questo chiarimento).
Saluti e buon agosto.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
stia tranquillo.
I bernoccoli non si muovono.
Nè è ipotizzabile che si sia sfondato il teschio, come dice lei, dal momento che non percepisce un infossamento ma un "pallino".
E' anche probabile che in quella sede resterà una iperostosi reattiva al trauma di nessun significato patologico.
Stia piuttosto attento ai sintomi neurologici: qualunque anomalia del suo status abituale non deve essere trascurata, anche se la sua giovane età rende un ematoma sottodurale cronico molto improbabile.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
458759

dal 2017
In poche righe ha risposto a tutto, non potrei esser più fortunato ad aver incontrato un medico.. GRAZIE! :-)

Scriveva:
'E' anche probabile che in quella sede resterà una iperostosi reattiva al trauma di nessun significato patologico.'
Ma secondo lei è possibile sia una iperostosi già a 7 giorni dall'accaduto? Intendo dire: cresce così in fretta?

Anche il mio medico mi diceva e condivideva qusta cosa: 'Stia piuttosto attento ai sintomi neurologici: qualunque anomalia del suo status abituale non deve essere trascurata, anche se la sua giovane età rende un ematoma sottodurale cronico molto improbabile.'
la seconda domanda verte sul: ma secondo lei, a 7 GIORNI, non avendo accusato nausea, vomito, problemi di altro genere se non sonnolenza (però lavoro irca 10 ore al giorno e ne dormo si e no 4+5 spezzate durante la giornata quindi essendo sfasato il bioritmo credo sia normale) potrei ritenermi fuori pericolo?


Grazie ebuon agosto, nuovamente!
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
spesso un piccolo ematoma sottodurale cronico non da alcun segno se non quando sanguina espandendosi all'improvviso con un quadro di ipertensione endocranica che diviene clinicamente manifesto.
Ma questo per lo più accade negli anziani in cui, per la fisiologica atrofia parenchimale cerebrale, lo spazio tra la dura madre e l'aracnoide diviene reale e non è più virtuale come nei giovani: le vene a ponte possono strapparsi e sanguinare anche per piccoli traumi, talvolta spontaneamente.
In ogni caso direi che se non ha mal di testa, che è un sintomo frequente ma sottovalutato, possa stare tranquillo.
Una iperostosi non si forma dopo 7 giorni: adesso ha un banale ematoma del cuoio capelluto, di nessun significato patologico.
Insomma un bernoccolo.
Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
458759

dal 2017
Grazie per tranquillizzarmi Dottore, essendo il mio medico in vacanza mi sento un po' perso. Per fortuna.ho trovato in lei aiuto e la ringrazio enormemente.

L'unica cosa.che.non mi è chiara è come sia possibile che un bernoccolo (riguardando i tessuti del cuoio capelluto) risulti come fosse "ancorato" all'osso. Se potesse spiegarmelo con la sua sempre presente chiarezza mi farebbe un.grande favore, perché è una.cosa che mi inquieta il sentirlo fisso.

La seconda cosa che volevo chiederle.è mediamente in termini di tempo (giorni) dopo quanto si riassorbe un "bernoccolo"?

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
mi dica francamente: quale è il suo dubbio?
Di avere una frattura cranica?
Se è questo faccia una RX e avrà la risposta definitiva.
Con tutta la buona volontà non possiamo stare a parlare per giorni di un piccolo "bozzo" conseguente a un trauma senza che io lo possa palpare ma basandomi sui dati che riferisce.
Un altra persona meno ipocondriaca lo avrebbe già dimenticato.
I tempi di riassorbimento variano 15gg-20gg-2 mesi...
Buona giornata.
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
458759

dal 2017
Esatto Dottore, la mia paura è che ci sia una frattura.

Diciamo che le chiedevo il tempo di riassorbimento perché il mio medico rientra a fine agosto e io partirò per le ferie. Per tranquillizzarmi allora pensavo a questa cosa e le pongo questa ultima domanda.

Mettiamo vi sia una frattura, e io riesca a fare una rx tra un mesetto e mezzo, nel caso ci fosse si vedrebbe ancora oppure sarebbe troppo tardi per essere visibile a imaging radiologico?

La saluto cordialmente.
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gli esiti si vedrebbero ugualmente.
Ma le chiedo: lei ha contezza della gravità di una frattura cranica?
O la sua patofobia la porta a conclusioni destituite di ogni fondamento?
Buona serata,
Dott. Caldarola.