male  
 
Utente 458XXX
Da un anno, mi sono comparsi sulla pelle tre foruncoletti di 3 mm circa, attaccati l'uno all'altro, comparsi insieme e all'improvviso, di cui uno leggermente più grande e due più piccoli, totalmente asintomatici, tant'è che ho sempre rimandato qualsiasi consulto medico (sbagliando). Da ieri invece una bollicina si è rotta e ha iniziato poco dopo a farmi male, un dolore non forte ma costante, ma sopratutto a farmi prurito. Inoltre intorno a questi tre "palloncini" sbucati fuori come funghi della pelle, si è formata oggi una chiazza rossa dove mi pare di percepire maggior prurito. Quando lo vidi la prima volta (a giugno 2016), pensai che si trattasse di herpes zoster o in alternativa escrescenza della pelle, come molti anziani presentano sul corpo, dandogli dunque poco peso e rimandando sempre le visite mediche sia dal medico di base che specialistiche. Adesso sono preoccupato perchè oltre a far male, ho visto su alcune immagini che potrebbe somigliare a un basalioma. é localizzato nella parte bassa della schiena. A giugno 2016 ero andato al mare perciò non so se l'esposizione al sole, oppure il contatto sul lettino in spiaggia abbia potuto provocare la formazione di queste vescicolette. Vorrei allegare la foto perchè sicuramente da lì è visibile di che problema si tratta. Sono abbastanza agitato, spero non sia nulla di grave, oltretutto sabato parto per il mare e starò via 2 settimane. Sono addirittura in dubbio se recarmi presso il pronto soccorso.

Ecco la foto dei foruncoli:
http://imgur.com/a/l2wZ9

Grazie per le eventuali risposte

LC
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
le foto non sono mai diagnostiche come l'esame de visu.
Potrebbe trattarsi di un mollusco contagioso o di verruche piane.
In ogni caso sarei tranquillo per quanto riguarda neoplasie della pelle.
Vada da un dermatologo e se le faccia vedere: il professionista potrebbe anche provvedere allo scucchiaiamento o alla rimozione con altri metodi dopo la visita.
Saluti,
Dott. Caldarola.