Utente 119XXX
Egregi dottori, durante la mia infanzia ho avuto non pochi problemi
con la scopertura del prepuzio, addirittura fino a circa 8 anni, la
pelle che ricopriva il glande era letteralmente incollata allo
stesso, problema che ho poi facilmente risolto con un piccolissimo
intervento, da quel momento in poi non ho mai tentato di scoprire
completamente il glande dal prepuzio poichè mi causava non pochi
dolori. Ma giunto al periodo dell'adolescienza tentando e ritentando
sono riuscito ad abituarmi a scoprirlo del tutto senza difficoltà.
Ora, durnte lo stato di riposo del pene non riscontro alcuna
difficoltà a scoprire compltamente il pene, operazione che eseguo ad
esempio durante l'urinazione; ma il problema si pone durante lo stato
di erezione, infatti non appena raggiungo un erezione completa riesco
senza dolore a scoprire soltanto metà del glande, senza riuscire ad
arrivare alla corona, quando tento di farlo il prepuzio si stringe
intorno alla corona strozzando il glande, ciò non comporta affatto ne
una curvatura del pene ne tanto meno problemi di tipo urinario o
altro... Come posso fare per abituarmi a scoprirlo completamente
senza difficoltà durante lo stato di erezione?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Claudio Bernardi
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile giovane,
sicuramente vale la pena che si faccia controllare anche dal suo medico di base per valutare la situazione.
distinti saluti
Dott. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
http://www.claudiobernardi.it
[#2] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente, è importante capire se l'impossibilità a scoprire il glande è legata ad un problema oggettivo, anatomico (fimosi).
Come le ha correttamente consigliato il collega Dott.Bernardi è essenziale una visita dal suo Medico di famiglia o meglio da uno Specialista Andrologo

Un caro saluto
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
è inutile ed anche pericoloso (rischio di parafimosi), tentare di forzare il restringimento della cute del prepuzio con il pene in erezione.
Non so che tipo di intervento Le abbiano praticato da piccolo, ma adesso è probabile che Lei abbia una fimosi.
E' tassativo un controllo clinico dal Suo Medico di famiglia. Quindi i provvedimenti del caso che, a mio modo di vedere, prevedono ovviamente l'intervento di circoncisione.
Affettuosi auguri e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#4] dopo  
Utente 119XXX

Iscritto dal 2006
Vi ringrazio per le vostre immediate risposte. Premetto ovviamente che seguirò i vostri consigli e mi rivolgerò al più presto al mio medico di fiducia. Per ovvi motivi però ho parecchie preoccupazioni nel ricorrere alla circoncisione. Non potrebbe essere sufficiente l'applicazione sistematica di pomate (es.Elocon) giacchè la fimosi non è molto grave e accentuata?
Grazie,ancora.
[#5] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Caro Utente, l'applicazione di pomate (cortisoniche per giunta) va sempre fatta con un certo criterio. Solo il Medico, prendendo visione della situazione del pene, può dare un giudizio spassionato sull'opportunità o meno di circoncidere. In ogni caso non abbia paura di una eventuale proposta di intervento. La circoncisione è un intervento delicato ma se eseguito da chi ha una certa esperienza dà ottimi risultati sia funzinali che estetici; si può effettuare in anestesia locale in regime di Day Hospital.

Un sincero augurio
[#6] dopo  
Dr. Claudio Bernardi
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
caro giovane,
può darsi che lei non avrà bisogno di essere operato oppure sì, ma certo NON deve ricorrere a presidi medici del tipo "fai-da-te". Inoltre, in caso di intervento , esistono anche tecniche di allargamento del prepuzio più conservative della circoncisione , ma è prematuro parlarne.
distinti saluti
Dott. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
http://www.claudiobernardi.it
[#7] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
il problema è: se Lei ha o meno una fimosi.
Se ha una cosa che NON è una fimosi, beh allora parliamo pure di unguenti, pomate, olii, bagni caldi, bagni freddi, bagni tiepidi, anestetici locali, ginnastica, tiriamo, stringiamo etc etc etc.
Se Lei ha una cosa che E' una fimosi, a mio parere, deve sottoporsi all'intervento di correzione chirurgica. L'intervento che io consiglio, per la risoluzione completa e definitiva del problema, è la circoncisione. Volendo può essere assicurata la possibilità della copertura del glande, anche se molti pazienti possono non gradirla. La completa rimozione della cute prepuziale permette senza dubbio una migliore igiene locale ed una vita sessuale più completa e gratificante.
Questo è quanto.
Affettuosi auguri e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO