Utente 108XXX
So che in caso di insufficienza mitrale bisogna attuare una profilassi antibiotica per l'endocardite in caso di manovre odontoiatriche. Ma nel caso in cui ci sono dei denti da curare e non ci si reca dal dentista , quindi non si fa nesssuna prevenzione, esiste lo stessso il rischio di miocardite o solo in caso il dentista lavori sul dente?GRazie Paola

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Paolo Giuseppe Formenti
24% attività
0% attualità
0% socialità
SENAGO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Cara utente 10811,nel suo caso la profilassi antibiotica è sempre indispensabile prima di ogni intervento sul cavo orale che comporti anche una minima perdita di sangue, anche se l'insufficenza mitralica è classificata fra le patologie a rischio moderato di endocardite.
Quindi estrazioni, devitalizzazioni, detartrasi, levigatura radicolare, otturazioni anche semplici in cui si preveda di posizionare una matrice, la profilassi viene in genere eseguita con amoxicillina per bocca nella dose di 3 gr. 1 ora prima dell'intervento ed eventualmente ancora 1 gr. alla fine dello stesso o entro la serata, per scongiurare il rischio di endocardite batterica.
Nel caso in cui lei non desideri sottoporsi a cure odontoiatriche, questa non è ovviamente necessaria, ma le consiglierei comunque di far eseguire le cure necessarie perchè esiste sempre il rischio, anche se remoto di una cosiddetta "malattia focale", cioè la possibilità che batteri presenti in un cavo orale non in perfette condizioni, possano colonizzare aree distanti come per esempio cuore o reni; nel suo caso quindi mi sembra preferibile intervenire per tempo e non attendere che la situazione peggiori.
Distinti saluti
Dr. Paolo Formenti
[#2] dopo  
Dr. Antonio Graziano
32% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2005
Protesto ufficialmente per l'ennesimo episodio di indirizzo di patologie di ESCLUSIVA competenza odontoiatrica all'attenzione di altre branche NON ABILITATE ALL'ESERCIZIO DELL'ODONTOIATRIA. LA CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE NON E'ODONTOIATRIA E VICEVERSA. Il malcostume nazionale di rivolgersi ad altre figure per problemi odontoiatrici purtroppo viene rafforzato dalla scarsa attenzione di detti siti che dovrebbero essere di informazione e divulgazione. La protesta non è chiaramente rivolta all'indirizzo dei Colleghi, ma alla scarsa attenzione di Istituzioni e Operatori dell'informazione, tra cui siti internet, riviste e giornali. Se è un consulto di medicina generale che coinvolge le arcate dentarie, allora lo si indirizzi al medico di base, se è un parere odontoiatrico lo si indirizzi all'Odontoiatra, non a Chirurghi Maxillo-Facciali, ORL, Dermatologi, etc.
Distinti saluti

Antonio Graziano
Consigliere Associazione Italiana Odontoiatri sez. Napoli