hiv  
 
Utente 458XXX
Buonasera Dottore, avrei una domanda. Il mese scorso, ho fatto del petting (senza indumenti) e del sesso orale SENZA EIACULAZIONE (per un minuto neanche) con un ragazzo di cui non conosco lo stato sierologico. Tuttavia, probabilmente per l'ansia, dopo circa 20 giorni dal rapporto ho iniziato ad avvertire dolore alla gola, con ingrossamento della tonsilla dx e due piccole placche, (ogni tanto ho un pó di catarro). Ho fatto un autotest mylan per l'HIV, a 25 giorni, risultato negativo. ( la dottoressa in farmacia ha detto di potermi fidare di quel test a 25 giorni, poiché considerato fi terza generazione). Ora vorrei sapere: Il mio rapporto è stato a rischio? Posso considerare il test valido? Inoltre aggiugno che il mal di gola persiste da ormai 7 giorni, tuttavia in alcuni momenti della giornata scompare, a cosa potrebbe essere dovuto?
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
il rapporto a rischio lo ha avuto. Il tempo di permanenza del pene in ore è poco influente.
Dica alla farmacista che il test Mylan è un test di III generazione per cui deve essere considerato definitivo a 90 gg.
Come da istruzioni accluse.
Poichè oltre che all'HIV con la fellatio lei si è esposta a tutte le MST le consiglio di affidarsi a un centro per MST della sua città, dove potrà beneficiare di consulti ed esami da parte di personale esperto, o di affidarsi ad un infettivologo di sua fiducia.
Cari saluti.
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 458XXX

Iscritto dal 2017
quindi giusto per chiarimento, perchè il rapporto orale senza eiaculazione viene definito un "rapporto a rischio teorico" quando invece evidentemente non è cosi?

Inoltre una persona puó avere l'HiV da 10 anni e non averlo ancora scoperto? Facendo analisi del sangue di routine ogni anno ed avendo tutti i valori nella norma?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Non so chi definisca il rapporto orale in cui il pene finisce in bocca a rischio teorico.
E' a rischio anche molto concreto se il soggetto è HIV sieropositivo magari ignaro di esserlo.
Una sieropositività HIV si accerta con il test: non si desume in via indiretta con esami di sangue.
Fino a che non conclama in AIDS.
Buona serata,
Dott. Caldarola.