Utente 152XXX
Mercoledì mi sono procurato una "grave lesione 1°M.F. mano SN con [calligrafia indecifrabile] collaterale ulnare con frammento osseo [calligrafia indecifrabile] M1". Posso dire che il guanto s'è impigliato nel mandrino in rotazione d'un trapano a colonna...

Il giorno seguente sono stato sottoposto ad intervento chirurgico ed il chirurgo ha detto che osservando le radiografie seguenti è andato bene. Ora la mia mano è fasciata, ho un'asta dall'avambraccio alla punta del pollice, e le dita (tranne il pollice) libere. Riesco a muoverle e non ho dolore.

La mia domanda è: sono un chitarrista quasi professionista... Potrò ancora suonare la chitarra? Quanto tempo mi ci vorrà?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Il legamento che si è rotto è fondamentale per la presa di forza: per capirci, quando si afferra una bottiglia è lui che si oppone alle dita lunghe e garantisce la presa.
Penso proprio che potrà suonare la chitarra esattamente come prima. Quanto tempo? è difficile dirlo, diciamo un mesetto, ma già suonare sarà una valida riabilitazione.
Cordiali saluti