Utente 925XXX
salve, sono un ragazzo di 29 anni, circa 7 anni fa mi sono spezzato 1/3 del dente incisivo dx che mi sono fatto ricostruire. quest'anno è caduta la ricostruzione inseguito ad un morso un pò aggressivo fatto ad una frisa. dunque ho rifatto la ricostruzione che è durata circa 3 mesi dopo i quali l'ho dovuta rifare nuovamente. ora mi trovo in alto mare, il mio dentista di fiducia mi consiglia l'incapsulamento per poter mordere la vita in santa pace senza alcuna preoccupazione. un altro dentista sconsiglia l'incapsulamento perché si tratta di un dente incisivo. cosa mi consigliate? esistono ricostruzioni veramente resistenti?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
64156

Cancellato nel 2012
Purtroppo non ci sono molte alternative: la soluzione più conservativa è la ricostruzione in composito che già ha fatto e per due volte ha ceduto (anche se la prima è durata 7 anni).
Tra questa e l' incapsulare il dente non vedo altre soluzioni praticabili.
Il dente è vitale? Se si, io andrei ancora avanti con una nuova ricostruzione in composito, naturalmente va fatta a regola d' arte, isolando il campo con la diga di gomma; e poi ci vuole un pò di attenzione da parte sua nel non addentare cibi duri come la frisa.
Se proprio anche questo tentativo non andasse a buon fine, credo che sia inevitabile ricoprire il dente con una capsula, ma stia tranquillo che, nonostante il maggior sacrificio di sostanza dentaria, i risultati estetici sono molto buoni, specialmente con le nuove corone "metal free".
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Stefano Morselli
16% attività
0% attualità
0% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 16
Iscritto dal 2008
personalmente prima di eseguire una corona sul dente in questione effettuerei una ricostruzione in composito usando dei perni parapulpari che ne rafforzano la stabilità.
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Utente 925XXX

Iscritto dal 2008
per prima cosa ringrazio il Dr. Paolo Gaetani il Dr. Stefano Morselli che mi hanno risposto molto chiaramente. Volevo in seguito sapere cosa siano i "perni parapulpari" e se hanno un ottima efficacia ossia se mi permetteranno di mordere o perlomeno di incidere con tranquillità. il mio dente è vitale, ogni ricostruzione mi costa circa 150€ mentre l'incapsulamento mi viene 650€ completamente in porcellana e 500€ con un metallo all'interno, questa è la proposta del mio dentista di fiducia. Cosa mi consigliate?
Io sarei per la capsula ma un altro dentista mi ha detto che questa può recare danni alla gengiva visto che si tratta di un incisivo, è vero?
Sempre questo dentista mi ha consigliato di togliere i due denti del giudizio inferiori (anche se a me non danno alcun fastidio) in quanto tendono a storcere gli altri.
Vi porgo le mie scuse se risulto ripetitivo e Vi ringrazio vivamente per l'attenzione.
Ale
[#4] dopo  
Dr. Stefano Morselli
16% attività
0% attualità
0% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 16
Iscritto dal 2008
di solito il problema che si può avere con una corona (dipende molto dalla preparazione) è una recessione gengivale che in zona estetica come nel suo caso cercherei di evitare. I perni parapulpari vengono usati proprio su denti vitali e ritengo siano un ottima soluzione nei restauri in composito là dove ottenere una ritenzione meccanica è difficile per conformazione anatomica (gruppo incisivi)o dove la semplice ritenzione chimica (adesivi) non è sufficente.
Cordiali Saluti
[#5] dopo  
64156

Cancellato nel 2012
Andiamo con ordine:
La mia opinione sui perni parapulpari è che non possano dare più ritenzione ad una ricostruzione in composito di quanta non ne possa già dare una tecnica adesiva ben eseguita; si usavano di più in passato quando non erano disponibili gli adesivi di ultima generazione e adesso sono un pò in disuso, anche perchè espongono il dente al rischio di problemi pulpari, essendo difficile posizionarli senza avvicinarsi pericolosamente alla polpa. Inoltre, essendo metallici, possono inficiare il risultato estetico. Comunque, anche questa è un' opzione.
Per quanto riguarda la capsula, i danni alla gengiva si verificano soltanto se c'è stato qualche errore in una delle fasi necessarie all'applicazione. Innanzi tutto bisognerebbe vedere che biotipo gengivale è il suo: il biotipo sottile è quello che più spesso risponde agli insulti con una recessione, mentre il biotipo spesso è più resistente. Quindi, nel primo caso, bisogna usare particolari cautele in tutti i passaggi, non solo, se necessario, si può anche effettuare un piccolo intervento di chirurgia parodontale per trasformare il biotipo da sottile a spesso.
In ultimo, se accetta il mio consiglio, non si faccia estrarre inutilmente i denti del giudizio che non le danno problemi: non esistono prove in letteratura che essi possano creare affollamento dei denti anteriori.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Angelo Rossi
24% attività
0% attualità
12% socialità
NOVATE MILANESE (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Mi permetto di inserirmi nella discussione precisando che i perni parapulpari possono creare fratture nella struttura del dente e queste diventano facilemnte aggredibili da parte della carie.
Inoltre il ragazzo vi pone un problema estetico e di funzione che va quindi trattata utilizzando una corona protesica perchè le ricostruzioni in composito o le faccette si staccano piuttosto facilemnte se non si fa attenzione.
Il miglior risultato si ottiene con una buona devitalizzazione, una ricostruzione con perni in fibra trasparenti un'ottima preparazione ed una eccellete presa dell'impronta (magari doppio filo doppia impronta?) ed infine o Zirconia o Allumina.

Saluti
[#7] dopo  
Utente 925XXX

Iscritto dal 2008
grazie per tutte queste risposte, noto che ci sono diverse opzioni ma non so ancora quale scegliere, devo assolutamente fare una pulizia dentale ma ho paura che questa possa indebolire la ricostruzione, anzi ne sono convinto. non sono d'accordo con la devitalizzazione del dente perché penso che questo possa cadere ma volevo domandare riguardo il consiglio del Dr.Angelo Rossi: si può effettuare la ricostruzione con perni trasparenti .... senza devitalizzare il dente? i perni trasparenti possono dare problemi come la carie? Se dovesse cadere il dente, inseguito a devitalizzazione o col ritiro della gengiva dovuta all'incapsulamento, si potrà installare un "dente nuovo" perfettamente funzionante anche se si tratta dell'incisivo?
Grazie veramente.
[#8] dopo  
Dr. Angelo Rossi
24% attività
0% attualità
12% socialità
NOVATE MILANESE (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
No purtroppo i perni in fibra di vetro o comunque tutti i perni in generale prevedono la cementazione passiva all'interno del canale. E' comunque una opinione comune ma sbagliata che i denti devitalizzati non hanno vita lunga. Il dente una volta devitalizzato deve essere protetto dai carichi masticatori e questo viene fatto con una corona o con un intarsio ( su premolari e molari.

Per quanto ruguarda la carie un dente devitalizzato è sempre un dente e quindi può cariarsi se non viene pulito adeguatamente.

La ricostruzione in composito è efficace solo a risolvere 1 solo dei quesiti posti e cioè l'esetica ma non potrà mai essere utilizzato come un dente naturale (non si può addentare con gli incisivi).
Saluti