Utente 393XXX
Salve,
ho 18 anni, sono alto 1.74 e peso 76kg. Da tempo cerco di seguire una dieta corretta e di fare del movimento, tuttavia dopo qualche giorno non riesco a rispettarla. Il mio problema non sono i pasti principali, ma i numerosissimi dolci, soprattutto cioccolata, che mangio durante la giornata (penso persino di essere magro perché ne mangio davvero tanti!), per il puro piacere del cibo. Non mangiare dolci mi costa tantissimo sforzo e troppo spesso cado in peccato di gola.
Ora, visto il mio peso (che rimane costante, scende a 73kg quando sto attento per un mesetto e al massimo arriva a 78kg) non mi sembra un problema grave, tuttavia vorrei provare a risolverlo. Mi sono stati consigliati i fiori di Bach per un maggiore controllo e un migliore rapporto con il cibo, possono andare bene? E quali?
Grazie

Saluti
[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
questa sua eccessiva golosità di dolci è molto probabilmente legata ad un problema a livello mentale, affettivo o emotivo che il suo organismo cerca di riequilibrare attraverso questa via.
La floriterapia di Bach, come anche altre metodiche terapeutiche non convenzionali come l'omeopatia o l'agopuntura le potrebbero essere sicuramente d'aiuto ma sempre dietro la supervisione di un medico esperto in tali terapie. La prescrizione fatta on-line e solo sulla base di un sintomo non è assolutamente attuabile soprattutto in medicina non convenzionale dove è di fondamentale importanza conoscere la persona nella sua totalità.
Le consiglio quindi di rivolgersi ad un terapeuta esperto che le saprà indicare sicuramente la giusta strada da seguire per risolvere il suo problema.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dr. Ascani,
ho già effettuato una visita specialistica presso un nutrizionista in una struttura privata, il quale mi ha semplicemente prescritto una dieta che riesco a seguire nei pasti, tranne che per il problema dei dolci.

Un mio amico mi ha quindi consigliato di provare questi fiori di Bach, dicendomi che lo stesso Bach prevedeva l'auto-diagnosi e l'auto-cura con i suoi rimedi, e di sentire al limite con l'erborista.
Mi sono rivolto quindi qui per chiedervi consiglio e magari sapere quale dei tanti fiori provare.

Grazie

Saluti
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
I fiori di Bach costituiscono una terapia emozionale. Sicuramente è prevista l'auto-diagnosi e l'auto-cura, ma da parte di chi li conosce bene e soprattutto da chi è in grado di capire e scegliere quali emozioni occorra curare. Bach divise le emozioni in vari gruppi (Paura, ansia e panico, Incertezza o insicurezza,Insufficiente interesse per le circostanze del momento, Solitudine, Eccessiva sensibilità alle influenze ed alle idee, Depressione o disperazione, Eccessiva preoccupazione per il benessere degli altri) all'interno dei quali vi sono sfumature che fanno scegliere i fiori adatti; va poi detto che potendo esserci più sfaccettature di uno stesso problema possono essere necessari anche 5 o 6 fiori. E' quindi evidente che non c'è un fiore per la cioccolata, ma bisogna capire quali sono le sue condizioni che possono, forse, spingerLa a questa golosità. Ma per arrivare a capire tutto ciò ci vuole esperienza. Bene ha fatto il dottor Ascani a suggerirLe di ricorrere a un terapista esperto; solo lui può trovare quale/quali meglio si adatta/no alle Sue specifiche condizioni. Lascerei stare l'erborista perché non è sua la competenza. Poi, con calma, cominci a leggere le opere di Bach, poi i libri sui fiori, sulle corrispondenze ecc, e nel tempo potrà forse gestirsi da sé i fiori di Bach che più si adattano ad alcune Sue semplici necessità (ma solo alle Sue, ovviamente)
Cordiali saluti
[#4] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
la prescrizione di una cura e la diagnosi sono da effettuarsi sempre presso il medico competente e non da altre figure, compreso l'erborista. Eventualmente con il tempo, quando ne avrà acquisito la dimestichezza, potrà anche iniziare ad usare i fiori a lei più congeniali da solo.
E questo perchè il fatto che siano rimedi naturali non significa che non possano provocare eventi avversi e comunque è necessario avere una grande competenza nel loro utilizzo.
Nelle linee guida di medicitalia è epressamente indicato che non si può consigliare una cura specifica ne tantomeno proporre una diagnosi, atti che necessitano della visita diretta con il proprio medico.
Si affidi quindi ad un medico competente in Medicina Non Convenzionale e vedrà che riuscirà, con ottime probabilità, a risolvere il suo problema.

Cordiali saluti