hiv  
 
Utente 462XXX
Buonasera, qualche giorno fa ho avuto un rapporto sessuale occasionale, nello specifico, del sesso orale passivo protetto da condom,i dubbi mi assalgono dal fatto che in seguito ho notato delle ferite sotto il glande causate dai denti della partner... so già a priori che in un rapporto orale passivo le possibilità di contrarre il virus dell'HIV sono bassissime e solamente in casi paradossali,specialmente se protetto. Mi ritengo abbastanza ipocondriaco e vorrei ricevere un parere da un'esperto sull'accaduto,dato che non riesco a smettere di pensarci facendomi paranoie assurde su una possibile rottura del condom causata dai denti e di un possibile contagio. grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
che vuole che le dica?
Se il condom ha tenuto, poteva fare un controllo, problemi non ce ne sono.
Se la partner ha addentato pure il condom il rapporto deve considerarsi a rischio per MST
Io questo non lo so.
Se per lei la situazione divenisse ossessiva, può effettuare un test HIV I-II di IV generazione a 40 gg dal rapporto considerandolo definitivo.
Può nella stessa occasione effettuare uno screening per la Sifilide (VDRL/TPHA). Ovviamente ne deve parlare con il curante.
Se voglia può farsi seguire da un Infettivologo o può adire un centro per MST della sua città, dove provvederanno ai test necessari in completa tutela della sua privacy.
Non perda la calma che è l'elemento più utile in queste situzioni.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Non mi sono messo a controllare il condom più di tanto a rapporto concluso, però per quanto io ne sappia un preservativo rotto è facilmente riconoscibile da uno squarcio che non può passare tanto inosservato,mentre il condom l'ho sfilato via senza alcun problema apparente... sta di fatto che il dubbio per qualche lacerazione mi rimane. Con a rischio per MST intende anche l'HIV oppure principalmente altre malattie sessualmente trasmissibili? Indipendentemente penso che aspetterò i 3 mesi per andare a fare il test HIV definitivo e con responso sicuro al 100% (se lo è,mi corregga se sbaglio),a maggior ragione se lei lo ritiene necessario. La ringrazio vivamente per i consigli Dottore, una buona serata.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Non occorre aspettare tre mesi per avere un HIV test definitivo.
Con quelli di IV generazione dopo 40 gg il test è DEFINITIVO.
In replica #1 ho scritto TESTUALMENTE:
"Se per lei la situazione divenisse ossessiva, può effettuare un test HIV I-II di IV generazione a 40 gg dal rapporto considerandolo definitivo.
Può nella stessa occasione effettuare uno screening per la Sifilide (VDRL/TPHA). Ovviamente ne deve parlare con il curante."
Se io scrivo e lei non mi legge, allora forse chiedere il consulto è superfluo.
Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
Perdoni la mia distrazione,la ringrazio per la pronta risposta e seguirò senza alcun dubbio il suo consiglio. In conclusione,lei ritiene necessario fare il test HIV perchè effettivamente il rapporto è a rischio, oppure me lo consiglia in maniera tale da tranquillizzarmi su qualsiasi turbamento? mi scuso per l'insistenza e la ringrazio nuovamente.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Se lei non conosce le condizioni del profilattico, che non posso ovviamente conoscere io, faccia pure i test indicati.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.