Utente 462XXX
Buongiorno a tutti,

sto sperimentando per la prima volta, alla soglia dei 40 anni, attacchi di ansia/panico (non so distinguerli) senza apparenti motivi scatenanti.
Premesso ciò, avrei la necessità di un buon consiglio in merito alla scelta di uno/una psicoterapeuta, su Milano, che mi dia una mano a saperli gestire o superare.
La mia ansia maggiore e quotidiana è quella di star male da un momento all'altro anche solo alla comparsa di un dolorino occasionale che non escludo possa essere anch'esso psicosomatico.. (penso subito al peggio, mi agito con palpitazioni, brividi, vampate di caldo, morsa allo stomaco e ovviamente sto "male" sul serio...)

In attesa di un vostro apprezzatissimo consiglio sulla scelta di un professionista che mi dia un valido aiuto, porgo cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr.ssa Flavia Massaro
52% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Cara Utente,

da qui non possiamo fornire nominativi di colleghi e quindi non ci è possibile consigliarle un professionista al quale rivolgersi.

Può consultare l'elenco degli iscritti a questo sito, se crede, per valutare a chi rivolgersi, al di là del tipo di terapia erogato perché tutte le psicoterapie agiscono sull'ansia e sui disturbi correlati, così come molte tecniche utilizzate sia in psicoterapia che in percorsi di sostegno o riabilitazione psicologica.
(Fra l'altro se non è stata sottoposta ad una valutazione e non ha ricevuto una diagnosi non sa nemmeno se il suo si possa considerare un disturbo o meno e quindi se le occorra una psicoterapia vera e propria.)

L'importante è che abbia deciso di farsi aiutare e le auguro di risolvere quanto prima il suo problema.

Un caro saluto,
[#2] dopo  
Utente 462XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio moltissimo per la gentile risposta.
Farò come da lei consigliatomi.
Le auguro una buona giornata.
[#3] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

l'attacco di panico si distingue nettamente dall'ansia perchè le caratteristiche essenziali sono l'intensa paura e il disagio accompagnato da sintomi quali palpitazioni, sudorazione, tremori fini o grandi scosse, sensazione di soffocamento o di asfissia, dolori al petto e/o addominali, vertigini o sensazione di testa vuota, derealizzazione, depersonalizzazione, paura di perdere il controllo o di impazzire.

L'attacco di panico ha un inizio improvviso, raggiunge velocemente l'apice, di solito entro una decina di minuti, ed è accompagnato da un senso di pericolo o catastrofe e il desiderio di allontanarsi con urgenza.

Di solito i pz. descrivono questi episodi con intensa paura e con la con l'idea di essere sul punto di morire o di impazzire.

L'attacco di panico può essere anche un sintomo che si associa ad altri disturbi d'ansia, quali le fobie.

Quello che Lei descrive mi pare però qualcosa di diverso dal panico, perchè le persone ansiose hanno un costante monitoraggio sul corpo, quindi tutti i "doloretti", che mediamente vengono ignorati, ricevono grande attenzione da parte delle persone ansiose che non possono concedersi di non stimare come importanti anche questi segnali.

Per questa ragione, è importante in prima battuta capire di che cosa si tratta, come funziona l'ansia e imparare a gestire questa sintomatologia.

Da quanto tempo sta male?