Utente 116XXX
Salve, ho 26 anni.
Pochi giorni fa durante un rapporto mi accorgevo della fuoriuscita di una piccola quantità di sangue dal pene, guardando attentamente ho notato che era dovuto da un piccolo taglio del frenulo proprio in prossimità del glande.
Non ho mai avuti problemi fi frenulo breve o analoghi;
Mi chiedo se posso avere dei problemi e ciò che devo fare.
Non ho seguito il consiglio del mio Dott. che in seguito ad un intervento ad una cisti sacrococcigea mi ha detto di starmene un pò al riposo, anche se so che non c'entra nulla.
Approfitto per complimentarVi con tutti Voi. Siete veramente d'aiuto a tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Claudio Bernardi
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2003
Gentile giovane,
una piccola lacerazione durante un rapporto non è sicuramente una situazione preoccupante. Se il frenulo non è breve, ovvero è consentita sempre la fuoriuscita del glande, avverrà a breve la riparazione.
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non ho mai visto una guarigione definitiva di una lesione da lacerazione, sia pure minima, del frenulo. La piccola ferita "sembra" guarire, ma alla prima masturbazione o ancor di più al primo rapporto penetrativo, mostra inevitabilmente una riapertura, con bruciore ed a volte sanguinamento. In ogni caso psicologicamente è sempre una "spina irritativa" che giocoforza andrebbe a limitare la Sua normale espressione e fantasia sessuale. In altri termini Lei sarebbe autolimitato proprio per la paura di rompere di nuovo il frenulo.
Le consiglio chiaramente la plastica del frenulo.
Intervento delicato e non banale, ma ambulatoriale, in anestesia locale, privo di dolore sia durante che dopo.
Mi creda, è inutile tutto il resto.
Affettuosi auguri e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO