hiv  
 
Utente 464XXX
Ciao a tutti, prima di tutto vi ringrazio per la vostra disponibilità, sono una ragazza di 17 anni avevo avuto il mio primo rapporto sessuale non protetto ma non completo quando ne avevo 15 e da lì avevo avvertito qualche fastidio alla vagina ed avevo avuto la candidosi che fortunatamente è passata ma non c'aveva fatto caso, poi un po' di mesi dopo con un'altra ragazzo avevo avuto un rapporto orale ed avevo avevo ingoiato il suo liquido seminale ed avevo preso la mononucleosi e mi si erano gonfiati i linfonodi dietro le orecchie. Attualmente sto con un ragazzo da tre mesi, abbiamo fatto solo sesso orale nient'altro, qualche volta mi è capitato di andare a contatto con il suo liquido seminale con la bocca, e a volte l'ho anche ingoiato, lui da qualche giorno aveva dette afte sulle labbra ma io l'ho baciato comunque pensando che le afte non si attaccassero anche perché a me non mi erano mai venute le afte, ma me ne sono cresciute sul labbro e dentro la bocca. Poi mi si sono gonfiati i linfonodi del collo. Pensavo che tutto questo fosse per il dente del giudizio che mi sta crescendo ma voglio esserne più sicura, grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signorina,
lei è minorenne e quindi, se leggesse le linee guida che regolano questo sito, saprebbe che non dovrebbe poter avere un account e ricevere risposte alle richieste di consulti.
Per lei rispondono ancora i suoi genitori.
In ogni caso lei ha una vita sessuale spericolata e ad altissimo rischio per tutte le MST, HIV compreso.
E' inutile nascondersi dietro un filo d'erba.
E' chiaro che nella sua forma mentis le pratiche per fare del sesso sicuro non esistono (mi riferisco al profilattico in ogni tipo di rapporto) e lei pratica esattamente l'opposto del "safe sex".
Le consiglio pertanto, alla luce del suo racconto anamnestico, di adire un centro per MST della sua Città, o di affidarsi ad un Infettivologo di sua fiducia, perchè lei necessita di screenare molte MST con test eseguiti ai tempi opportuni.
In questa ottica è bene che si confidi con i suoi genitori o con la figura genitoriale con cui ha maggiore confidenza, per ricevere il dovuto supporto.
Saluti cari,
Caldarola.