Utente 402XXX
Buongiorno.. Da alcuni anni sul cuoio capelluto mi si formano delle piccole aree, (al massimo di 0,5 cm) in cui si formano delle croste, a volte di colore giallo scuro/ocra. Sono sintomi di una probabile dermatite seborroica e so che devo rivolgermi al dermatologo per una visita approfondita. Ma il consulto che vorrei chiedere è più di carattere generale. E cioè, pur cercando di NON rimuovere le croste a forza, ogni tanto mi vedo costretto a farlo se dopo alcuni mesi sono ancora presenti e non fanno altro che ispessirsi e scurirsi. A volte si sollevano da sole al solo passaggio del pettine, altre volte, però, devo intervenire facilitando il distacco. Premetto che la forza impiegata non è mai eccessiva, e alla rimozione il cuoio sottostante si presenta tutt'al più un po' arrossato, ma non escoriato e non sento particolare bruciore. Il problema è che assieme alle croste vengono via anche i capelli che fuoriuscivano dalle stesse, a volte anche cinque o dieci alla volta. La mia domanda è quindi: posso sperare che i capelli riscrescano o nella porzione di pelle tolta sono compresi anche i follicoli e quindi ciò che rimane è solo tessuto cicatriziale? Ripeto, non ci sono escoriazioni nè tantomeno sangue, però nelle zone dove è stata rimossa una crosta, anche a distanza di molti nesi non crescono più i capelli, lasciando piccole aree vuote biancastre. Non dovrebbero i follicoli essere a una profondità maggiore? Oppure, si sono atrofizzati? Grazie infinite.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
Pur concedendo che lo strappo dei capelli inglobati nelle formazioni crostose non è verosimilmente in grado di lesionale il follicolo, resta il fatto che la situazione va risolta quatto prima ,e certamente con altri metodi che non siano la rimozione meccanica delle suddette formazioni. La terapia dermatologica ben fatta risolverà in tempi veloci il problema ,che se trascurato potrebbe essere abbastanza nocivo per il suo cuoio capelluto.
Provveda
Cordialita
Dott.G.Griselli
[#2] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille, dottore. Provvederò sicuramente. Devo quindi dedurre che il fatto che i capelli non siano ricresciuti nelle zone dove sono state asportate le croste, sia dovuto al fatto di aver compromesso irreparabilmente il cuoio capelluto, non avendo agito in maniera tempestiva? O c'è qualche speranza che i follicoli si riattivino? Mi scusi, non voglio essere insistente e mi rendo conto che le diagnosi a distanza sono impossibili, chiedo una risposta in linea generale. Grazie di nuovo
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Perché deduce ciò , dal momento che le ho detto che verosimilmente NON si sono lesionati i follicoli?
Si può invece pensare che i follicoli Siani ancora attivi.
Fatta salva la necessità di visitare per dire con precisione.
Cordialita '
Dott.G.Griselli