Utente 341XXX
Buongiorno,
Da qualche anno presento sul torace alcuni angiomi rubino, alcuni in rilievo.
Un paio di anni fa li feci controllare da un dermatologo tramite ASL, il quale mi disse che non era il caso di intervenire perché si sarebbero riformati.
La settimana scorsa ho deciso di farli controllare di nuovo ma questa volta da un dermatologo presso una clinica privata, il quale mi ha detto che era possibile risolvere il problema con la crioterapia. Così ha cominciato a trattarne un paio invitandomi a ritornare a distanza di un mese per vedere come si sarebbe evoluta la situazione ed eventualmente a procedere con gli altri. Nel frattempo mi ha detto di applicare 2 volte al giorno gentalyn (però non mi ha detto per quanti giorni procedere con la pomata, attualmente la sto ancora usando).
Quello che mi preoccupa è che dopo una settimana i 2 angiomi da rossi sono diventati più scuri e sotto di essi si erano formate delle bolle. La bolla presente sotto l'angioma più piccolo, più evidente, si è un po sgonfiata ma si nota un colore rossastro sotto di essa, mentre la bolla sotto l'angioma più grosso è sempre stata poco evidente. In tutto questo i 2 angiomi risultano "morbidi" al tatto. Questa situazione persiste da almeno 4 giorni. E qui cominciano le mie preoccupazioni. E normale che questa sia la situazione ad una settimana dalla crioterapia, o è stato utilizzata una cura non proprio idonea al caso?
Avendo trovato poche informazioni in rete, potete spiegarmi come dovrebbe procedere un normale percorso post crioterapia fino a completa guarigione?
Grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La tecnica elettiva per gli angiomi rubino è a mio avviso la laserterapia Nd-Yag 1064 nm e il Dye Laser ovvero i laser vascolari.

La crioterapia è una metodica che non utilizzo per questo tipo di lesioni estetiche per vari motivi ma ciascuno agisce in piena scienza e coscienza.
Altro non posso aggiungere e le raccomando il visita Dermatologico con il suo Medico di fiducia.
Cordiali saluti

Dr Laino