Utente 435XXX
Salve dottori ieri notte (ma mi capita minimo una notte a settimana) non riuscivo a prendere sonno con palpitazioni e sudavo freddo nonostante mi fossi preso ben 2 camomille. Questa cosa mi capita spesso in quest ultimo periodo(faccio un lavoro stressante e proprio per lavoro sono soggetto a spostamenti di città) . La scorsa settimana oltre a non riuscire a dormire mi venne anche un dolore al petto e al braccio preoccupato andai al pronto soccorso dove mi fecereo elettrocardiogramma e analisi del sangue tutto risultò nella norma tranne un extrasistole al momento dell esame ecg. Volevo sapere per far si che questo non mi venga la notte cosa dovrei fare? Che rimedi posso adottare? Qualche farmaco o gocce? In attesa di risposta vi ringrazio anticipatamente distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Armando De Vincentiis
52% attività
20% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
gentile utente se vi sono rimedi farmacologici comprenderà che questi non possono essere prescritti né consigliati on line.
Innanzitutto lavori sull'ansia, meglio se con l'aiuto di un terapeuta. Questo, percorso, probabilmente, potrebbe aiutarla a prevenire ulteriori episodi legati all'ansia.
saluti
[#2] dopo  
Utente 435XXX

Iscritto dal 2017
Grazie x la risposta per ora andrebbero bene 2 camomille prima di andare a dormire??
[#3] dopo  
Dr.ssa Flavia Massaro
52% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Caro Utente,

vedo da precedenti consulti che le è stato risposto anche in area medica che soffre di ansia e quindi è necessario che intraprenda un percorso psicologico per risolvere il problema.
La sua ultima visita al pronto soccorso ha confermato che fisicamente sta bene, e di questo dovrebbe essere contento, ma ciò non significa che possa ignorare il fatto che psicologicamente non si possa dire altrettanto.

Forse è molto stressato per il lavoro, ma non tutte le persone stressate reagiscono così, quindi si può pensare che sia presente una tendenza ansiosa che dev'essere eliminata perchè lei possa vivere sereno.

Di conseguenza perchè l'ansia "non le venga la notte" deve agire di giorno, facendosi aiutare da uno psicologo a contenere ed eliminare quelle reazioni che "esplodono" la sera, quando si rilassa e riemerge tutto quello che ha presumibilmente accumulato durate il giorno.
Potrebbe ad esempio rivolgersi ad un nostro collega che utilizzi tecniche di rilassamento come il training Autogeno:

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/652-training-autogeno-trattamento-sintomi-psicologici-psicosomatici.html

che lei può imparare e utilizzare nel momento in cui ne ha bisogno.

Le soluzioni ci sono, l'importante è che lei prenda la decisione di farsi aiutare e non pensi di risolvere tutto con qualche camomilla o altro prodotto.

Un caro saluto,