Utente 278XXX
Buonasera gentilissimi medici, a seguito di uno sforzo al lavoro (scaricamento pesi da 60 cm altezza fino a terra) ho avvertito dolore all'inguine, nella zona di inserzione della coscia circa di lato al pube. Successivamente, dopo che il dolorino era proseguito tutto il giorno, dopo che ho toccato ripetutamente la zona per verificare se ci fosse un'ernia, si è gonfiata la parte tra pube e inguine (forse linfonodi?). Al ps il giorno successivo alla visita non riscontrano ernia ma forse uno strappo. I dolori continuano, insieme a una sensazione di fastidio e pesantezza a lato del pube, a me sembra di sentire una pallina dolorosa. A questo punto vado a fare il lunedi (infortunio era di venerdi) una ecografia, in cui nel punto in basso tra pube e inguine, circa sotto a dove sentivo la pallina dolorosa, dopo lunghe ricerche la dottoressa vede qualcosina, contraendo gli addominali non aumenta. Anche in piedi e contraendo gli addominali non aumenta. Nel referto mi segnala una ernia inguinale di 0.6 cm e linfonodi di 1 cm e nessuna lesione dei tessuti. Ho prenotato una visita chirurgica e sono in attesa della stessa. Ora secondo voi, visto che io e mio marito pensavamo di iniziare a cercare una gravidanza, come dovremmo comportarci? Meglio operare preventivamente e poi provare la gravidanza, oppure fare altri esami per chiarire meglio, ma quali? Oppure per un ernia così piccola si può comunque affrontare una gravidanza con relativa serenità, monitorando la situazione? Io a distanza di 4 gg dall'infortunio ho fastidi e a volte anche doloretti al fianco dx e al lato dx del pube. Grazie mille dei consigli che vorrete darmi
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
l'ecografia tende spesso a sopravvalutare presenza e dimensioni di un'ernia, poiché esplora una regione anatomica in cui una lacuna muscolare è fisiologica in specifici atteggiamenti.
La regione inguinocrurale d'altra parte può essere sede di sintomatologia di diversa origine (es. muscoloscheletrica) compatibile con uno sforzo.
La visita di un chirurgo potrebbe essere dirimente.
[#2] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio moltissimo Dottore, Lei mi fa ben sperare! La terrò informata dell'esito della visita! Se malauguratamente ci fosse un'ernia di 0.6 cm, potremmo affrontare serenamente una gravidanza? Mi spiego, nel caso nonostante il riposo l'ernia si aggravi con strozzature etc..e ci fosse una emergenza, è possibile intervenire in gravidanza relativamente in sicurezza per me e il bambino? Questo soprattutto vorrei capire, grazie mille