cin  
 
Utente 234XXX
Buongiorno. Ad aprile 2017 faccio un pap test con risultato negativo ma con presenza di flogosi è il consiglio di ripeterlo dopo 3 mesi dopo cura adeguata. A fine agosto ripeto il pap test ed è positivo per L-Sil. Mi invitano a fare una colposcopia. All esame colposcopico la ginecologa vede una lesione millimetrica e mi dice che ha eseguito Una biopsia solo per scrupolo ma di stare tranquilla. Esegue anche L hpv test ed un pap test perché la giunzione squamocolonnare non era visibile. (Ho 30 anni e sono nulli para). Al risultato dell esame istologico esce un CIn 1 con ceppi hpv ad alto rischio (pap test non leggibile per presenza di sangue oscurante). Mi suggeriscono un nuovo pap test e in questi mesi di fare terapia con un nuovo farmaco papilocare. Io sono veramente terrorizzata perché il mio più grande desiderio è quello di avere una gravidanza e il solo pensiero di dover fare una conizzazione che comprometta la mia fertilità mi fa vivere male. Mi chiedevo se la biopsia possa aver già risolto la questione e se l’iter suggeritomi è corretto secondo voi. Grazie
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per una infezione da HPV NON SI ESEGUE CONIZZAZIONE , lei deve soltanto eliminare il virus e in questo il papilocare può aiutarla.
L-SIL equivale ad una infezione da HPV e può scomparire spontaneamente e potrebbe affrontare serenamente una gravidanza.
Le modificazioni cellulari in genere si risolvono da sole nel giro di qualche mese.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta. Sono a conoscenza che per un CIn 1 non si debba eseguire la conizzazione ma sono consapevole che avendo i ceppi ad alto rischio un CIn 1 potrà probabilmente evolvere verso un CIn 2 è corretto? (E allora in questo caso si dovrà pensare all intervento). Grazie
[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ma il virus HPV non è presente soltanto nella zona "incriminata" ma anche nel resto dell'ambiente cervico-vaginale.
[#4] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la sua risposta. Certo immaginavo che il virus HPV sia presente nell intera zona. So anche che non esistono farmaci antiretrovirali specifici ed è proprio per questo che sono spaventata dai ceppi ad alto rischio perché potrebbero portarmi ad avere un CIn di un grado molto più alto nel giro di questi sei mesi.
Mi chiedo se in questi anni in cui il virus ha avuto tempo di agire non sono stata in grado di debellarlo come posso debellarlo ora? Sto cercando di rafforza il sistema immunitario ma non credo sia questa la soluzione. Dovrei forse avere rapporti protetti con il mio partner?
[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per l'uomo non esiste allo stato attuale una indicazione a fare il test HPV perchè molto complicato fare il prelievo , ma soprattutto perchè non è utile.
Il fatto di avere una infezione da HPV non deve portare a un cambiamento nelle sessuali. L'infezione è infatti molto comune, la trasmissione al proprio compagno o compagna può sfuggire a qualsiasi misura che potremmo mettere in atto e , infine, non provoca alcuna conseguenza nella maggioranza dei casi