Utente 404XXX
Save gentili Dottori, da 3 anni sto combattendo con una follicolite del cuoio capelluto, con effetto decalvante. La cura con antibiotici e cortisonici ha funzionato, nonostante alcune recidive, ma lo specialista non mi ha mai dato indicazioni circa l'alimentazione, dando la colpa al fatto che è una malattia autoimmune.
Ogni volta, al riavvio della malattia avvertivo sempre un prurito, seguito da dolore e da una sclerotizzazione del cuoio capelluto intorno ai follicoli piliferi.
Tempo fa ho letto uno studio riguardo agli effetti negativi dello zucchero raffinato e dei formaggi e latticini in generale sulla pelle e sugli effetti infiammatori che questi possono arrecare all'epidermide, e la loro relazione con malattie autoimmuni.
Così alla comparsa di un nuovo prurito ho deciso di eliminare completamente zuccheri raffinati e latticini in generale, limitando notevolmente anche i grassi e fritti, ad eccezione dell'olio extravergine di oliva.
Da allora, sono passati ormai diversi mesi, il prurito presente è scomparso e non ho più avuto alcuna recidiva di follicolite.
Mi chiedevo se questa "cura" ha un fondo di verità oppure è solo un caso fortuito.
Secondo voi faccio bene ad eliminare queste sostanze dalla dieta? Ci sono altri cibi che potrebbero "attivare" la malattia e che mi consigliate di eliminare?
Grazie dell'attenzione!!!
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Potrebbe avere un minimo fondo di verità, ma il ruolo di questi alimento è ancora dibattuto.
saluti
Dr Laino