ercp  
 
Utente 468XXX
Buongiorno. Mia madre,anni 81 ,magrezza fisiologica 39 kg, a marzo ha avuto un forte dolore addominale dx con colicisti piena di fango biliare e Vie biliari dilatate (14mm). Ricoverata per 21 giorni ha fatto colangio RM/egds/ ercp con papillosfirentomia ed Esame istologico che dice: frammenti di mucosa con sclerosi del corion ed aspetti rigenerativi ghiandolari.../ Tornati tutti i valori nella norma viene dimessa....da allora intestino con frequenti scariche diarroiche..Ecografia di AGOSTO mostra colicisti normodistesa con 4 microcalcoli e vie biliari normali. Fatta anche gastroscopia (gastrite) e colonscopia. INTERVENTO in laparoscopia il 15 SETTEMBRE. Prima complicanza in sala operatoria causata dalla assorbimento anomalo dell anidride carbonica usata con concentrazioni nel sangue di 88 rispetto ai 44.... Cmq un giorno di rianimazione e rientra tutto. Portata in reparto accusa forti e lancinanti dolori addominali.. ecografia e TAC rilevano una sacca di liquido nel letto della colicisti e vie biliari dilatate sopratutto a sx ,coledoco a 10 mm e presenza di molto MATERIALE (slundge/ litiasi)....pero' visto che esami sangue sono nella norma, viene dimessa con ciclo di 5 giorni di ciproxin antibiotico. All ecografia di controllo, ad 1 mese dalla intervento, si legge che c'e' aereobilia e dilatazione nelle vie biliari coledoco 9/10 mm con molteplice materiale litisiaco e fango apprezzabile sopratutto nella diramazione dei dotti biliari e nella zona esplorabile dell epatocoledoco. Nel frattempo ha avuto episodio di colica con indurimento zona centrale e dolore a fascia durato 1 Oretta dopo aver mangiato poca ricotta...i nostri dubbi sono questi: 1)il materiale ora presente nelle vie biliari e' stato riversato durante l intervento? visto che prima non veniva segnalato...ma non dovrebbero aver fatto una bonifica delle vie biliari proprio durante l intervento? 2) Si puo' ripetere un Nuovo ercp o monitorare la situazione e prendere deursil ? Cosa e' meno rischioso? Avendo gia' molta aria nelle vie biliari un nuovo ercp si puo' fare? Insomma quale dovrebbe esserevl iter da seguire.?...speravamo che con l intervento mia mamma potesse ricominciare a mangiare un po' con tranquillita' visto che in questi mesi ha perso 3 kg e pesa 36kg....ma purtroppo cosi' non e' e la qualità' di vita e l ansia per le complicanze e i possibili digiuni e' grande. Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Si tratta di una via biliare con normale aerobilia (dopo l'apertura della papilla) e dei calcoli in coledoco. E' probabile che siano scesi durante l'intervento. Ovviamente c'è indicazione a ripetere l'ERCP e rimuovere i calcoli.


Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2017
Dott.la ringrazio per la risposta. Hanno programmato l ercp prospettando la possibilità' di posizionare uno stent perche' a loro dire avendo già' eseguito un ercp non si spiegano perche' non si sia liberata di questo materiale.......condivide il ragionamento? La terrò' aggiornata.Grazie
[#3] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno! Hanno eseguito l ercp una settimana fa. Trovati molteplici calcoli i impilati fino alla diramazione dei dotti, pulito il più' possibile anche se rimane un cono d' ombra in alto e messo stent per facilitare e raddrizzare coledoco tortuoso. Dopo l esame ha avuto forti dolori, sofferenza pancreatica e picco di transaminasi a 1000 ( preciso che prima dell esame esami sangue erano perfetti nonostante dalla eco si vedesse questo materiale nelle vie biliari dilatate dopo intervento di colicistectomia a settembre). Tenuta a digiuno, antibiotico per tre giorni, pancreas rientrato , transaminasi a 100 ,viene dimessa. Ad oggi continua ad avere dolori zona esame ercp sopratutto dopo pasti e da ieri ha iniziato ad avere scariche diarroiche di colore chiaro non bianche ma giallo chiaro....Siamo preoccupati e non sappiamo come fare....ci dicono di ricontrollare i valori tra 10 giorni ma non vorremmo sottovalutare i segnali del corpo. Del resto anche dopo l intervento di colicistectomia in elezione non aveva avuto alterazioni ne' degli esami del sangue del fegato ne' alterazione colore feci o altro . Attendo vostro parere. Grazie
[#4] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Dopo un intervento di ERCP con rimozione di numerosi calcoli è possibile avere una reazione pancreatica. In pratica i sintomi accusati non sono inusuali.
[#5] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2017
Grazie dottore! Per darle un quadro più' preciso della situazione attuale le trascrivo i valori del sangue dopo 9 giorni dall' ercp + stent ( tenendo conto sempre che continua ad avere dolori frequenti). -AMILASI 68 ( da 30 a 110). -LIPASI 216 ( da 23 a 300). - BILIRUBINA tot 0,50 / dir 0,10/ ind 0.40 ( nella norma). -TRANSAM: -AST 24 ( da 0 a 36). -ALT 106 ( da 0 a 52). -GAMMA GT 105 ( da 0 a 43) . -FOSFATASI ALCALINA 222 ( da 38 a 126). -VES 87 ( da 2 a 30). -PCR 2,40 ( da 0.0 a 1,00) -EMOCROMO nella norma , solo emoglobina a 11. Secondo lei questi valori cosa indicano? solo una infiammazione epatica che dovrebbe rientrare indicativamente in che tempi? Si sfiamma da solo senza farmaci con alimentazione simile a quella ospedaliera? Grazie
[#6] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Mi scuso del ritardo. Com'è la situazione al momento ?