Utente 936XXX
sono sincero, la mia è una semplice curiosità, figlia di una scommessa, anche se è banale potete aiutarmi?
Se tra lo stato di veglia e lo stato di riposo i battiti calano all'incirca del 30percento, negli istanti in cui il corpo si prepara al riposo (per intenderci il momento "dell'abbiocco") è possibile stabilire una percentuale di rallentamento dei battiti, sufficentemente esatta? se sì quale è?
oppure, di quanto devono calare (magari sempre in percentuale) i bpm per capire che si sta per entrare nella fase di riposo?

grazie di "cuore" anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la sua curiosità è priva di risposta perchè esiste un'ampia variabilità individuale di adattamento al sonno, che in linea percentuale determina una progressiva riduzione di frequenza cardiaca, pressione arteriosa e gittata cardiaca almeno del 20-30%.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 936XXX

Iscritto dal 2008
Egr. Dr. Vincenzo Martino
volevo ringraziarLa per l'informazione datami e contemporaneamente approfittare della Sua disponibilità per una precisazione: possiamo quindi indicare nel rallentamento del 15% la soglia dell'abbandono dello stato di veglia efficente?
Nel ringraziarLa di nuovo, colgo l'occasione per inviare i miei più distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Mi dispiace, ma come le indicavo una soglia precisa non esiste, il passaggio dalla veglia al sonno è più evidenziabile mediante modifiche delle onde all'elettroencefalogramma, mentre le altre attività corporee: frequenza cardiaca, respirazione, tono muscolare ad es., gradualmente e progressivamente tendono a ridursi senza un netto passaggio quantificabile.
Saluti