Utente 398XXX
Buona sera,
A settembre sono stato operato per distacco di retina da ore 3 a ore 5, nonostante avessi già un cerchiaggio fatto nel 95, il quale è stato trovato molto anteriorizzato. È stato quindi rimosso, sostituito con uno nuovo, fatto piombaggio e foro evacuativo per mantenere tono in ordine. A distanza di tre settimane dall'intervento, facevo oct ogni settimana, è stato evidenziato un piccolissimo foro maculare, inferiore ai 200 micron, ora il 10/11 mi opereranno di nuovo, vitrectomia, puker e foro maculare è cataratta, già opacizzata ma in una zona non visibile da me. Al momento ho un visus di 8/10, in miglioramento, lento perché avevo una goccia di liquido sotto la macula, riassorbita nel giro di una settimana dall'intervento, ma che ha rallentato la ripresa. Il foro maculare, due settimane fa, era di misura invariata. La causa dei miei guai sembra essere una trazione vitreale nella zona ore 3 - 5, unica zona in cui il vitreo è rimasto attaccato... Le mie domande sono:
- è il caso di operare dopo così poco tempo da cerchiaggio, piombaggio e barrage laser per un piccolissimo foro visto appena dopo l'intervento? Ci potrebbero essere Delle complicazioni nel farlo così in fretta?
- Esiste un modo per far sì che quella zona di vitreo ancora attaccata possa staccarsi senza un intervento chirurgico?

Grazie infinite a chi vorrà darmi la sua opinione.
Gianluca
[#1] dopo  
Dr. Ruggiero Paderni
40% attività
20% attualità
16% socialità
CESANO BOSCONE (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2014
Gent.mo,

la necessità di reintervenire rapidamente sarà stata valutata dal Suo chirurgo, probabilmente per le dimensioni del foro che lo rendono aggredibile chirurgicamente.

No, non esistono altri modi per eliminare le trazioni vitreali simili alla sua.

Esiste un farmaco iniettabile per via intravitreale ma non è indicato nel Suo caso e in presenza di un foro maculare.

con ogni cordialità
[#2] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Grazie 1000 per la sua gentile risposta. Quello che vorrei capire, un foro maculare di 190 micron asintomatico, non generato dal puker maculare ma, sembra, dalla tensione generata dal laser dalla retina dopo intervento di cerchiaggio e piombaggio, una volta assestata perché il laser si è cicatrizzato, è comunque necessario operare così di fretta? Se il foro non si allargasse mai, per il solo fatto che ci sia è necessario chiuderlo? Cosa comporterebbe monitorare e poi, se si allargasse anche solo 100 micron, operare?
Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Ruggiero Paderni
40% attività
20% attualità
16% socialità
CESANO BOSCONE (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2014
Gent.mo,

purtroppo l'evoluzione di un foro maculare è molto poco prevedibile.
"Solo" 100 micron (per citare il Suo esempio) sono in realtà un'enormità per la retina.

Certamente il foro potrebbe anche non allargarsi mai. Ma questo nessuno può saperlo.

Immagino che il collega avrà valutato pro e contro di tale intervento.

Per sua tranquillità, potrebbe chiedere il parere di un secondo chirurgo, mostrandogli le immagini dell'esame.

con ogni cordialità