Utente 229XXX
Salve, sarò molto sintetico e spero di trovare una dritta su come procedere.

Sono almeno 6/7 anni che soffro a cicli alterni di Candide con relative balaniti e svariati problemi poi relativi all'intestino che ormai so di per certo estremamente legato a tutto questo circolo vizioso.

Dopo gli ennesimi problemi di rosseore, ipersensibilità al glande(che mi crea anche estremi problemi nella vita sessuale) e problemi intestinali di meteorismo, decido di fare un tampone uretrale.

Non è stata valutata la candida in questi tamponi perchè esclusa visto che tre settimane prima avevo fatto la classica cura orale con itraconazolo.

Risultato Klebsiella spp.

La domanda è molto semplice, a chi devo riferirmi Urologo/andrologo??? Dermatologo venereologo?? O direttamente da un gastroenterologo??

Datemi una dritta su quale professionista possa aiutarmi perfavore.

Ho letto poco sulla Klebsiella spp per non farmi traviare dalle mille cavolate scritte in rete, ma so solo che l'antibiogramma segnala ANTIBIOTICI questo vorra dire tornare ad avere la candida per curare la suddetta klebsiella e tornaimo in un circolo infinito.

Thanks a lot.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, anzitutto le dico che la visita che deve effettuare quella specialistica di venereologia, con l’esperto dermatologo specialista in dermatologia genitali malattie sessualmente trasmissibili. Ovviamente le confido che una situazione così lunga molto difficilmente può essere appannaggio di una condizione effettiva: in questa sede pertanto potrà escludere anche le più probabili cause collegati a dermatosi genitali croniche.
Ci faccia sapere.
Cari saluti
Dott.Laino
[#2] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie intanto per la celere risposta.

Non ho capito cosa intende qui:
"Ovviamente le confido che una situazione così lunga molto difficilmente può essere appannaggio di una condizione effettiva."

Che le due cose possano essere completamente separate?

Io le confido che penso di sapere già quale sia il mio problema, un microbiota instabile e suscettibile. Questa situzione mi ha portato anche a non tollerare più determinate pietanze che prima mangiavo tranquillamente.

Il problema è che prima di poter tornare ad una situazione decente a livello intestinale devo prima tornare ad una situazione da cui partire.

A questo proposito ho bisogno diun professionista che possa seguirmi e sopratutto valutare bene tutti i collegamenti tra le problematiche.

Grazie mille =). 27 anni e avere questi problemi da 7 è abbastanza un rottura di scatole mi creda.

grazie
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Errata corrige: effettiva=infettiva.
Spero tutto sia più chiaro!
Saluti
[#4] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Certo, ora mi è chiaro. Grazie ancora per la dritta. Un ultima richiesta, se possibile, per caso conosce una figura i più in provincia di Udine al quale rivolgermi per la visita? Grazie