Utente 925XXX
Nel mese di agosto durante un viaggio in sudamerica ed una lungo viaggio massacrante di 6 ore in jeep lungo percorsi accidentati,rientrando alla sera in albergo è sopraggiunta la febbre 38 circa,preso tachifluid ed il giorno dopo sto meglio,ma avverto come un fastido intestinale che mi fa pensare ad una classica infezione intestinale da alimenti,assumo enterogermina.Da notare che la notte prima del viaggio in jeep mi ero alzato per urinare diverse volte.Due giorni dopo riparto altro viaggio in jeep,niente febbre,nessun problema,arrivato alla destinazione noto che l'urina esce con fatica ma nn mi da dolore,sotto consiglio mi dicono di bere molta acqua,assuma circa un litro e mezzo in 20 min circa,ripartiamo con le jeep altro percorso tortuoso e a destinazione blocco totale solo gocce,nn urino più.Mi reco all'ospedale del posto,catetere e antibiotico da prendere,torno in hotel con catetere.Dopo poche ore cerco clinica privata,arrivato mi tolgono il catetere e mi indicano unn pò di materia bianca fuoriuscita,l'urologo propende per gonorrea,conferma antibiotico e vado via.Nelle ore succ bruciore ma urino,nei gg successivi tutto bene.Rientro in Italia anticipatamente,ecografia addominale,nn prospetta tumori ma ingrossamento della prostatata e calcificazioni nel lato dx.Visita urologica conferma semplice prostatite e seguente cura:levoxan 500 1 al dì per 10gg.Seguo la cura ed il bruciore e pesantezza perineale scompaiono,specie dopo rapporti sessuali ove dopo l'orgasmo provavo dolore nella zona,unico fastidio restato bruciore contenuto alternato ad un senso di fastidio nell'ano.Ripeto ciclo levoxan,ma poi decido di sospendere per fastidi alle gambe.Decido di mia iniziativa es sangue completissimi tutto ok tranne psa 4,5,urine ok,spermicultura negativa,nuova visita ,nuovo urologo,mi conferma dopo visita prostatite in via di guarigione ciprofixin 2 al dì pe 5gg.Continua il fastidio all'ano a volte bruciore,decido per ecog transrettale,esito prostatite,si denota adenoma benigno,numerose calcificazioni.Visita urologica,intanto siamo al 20 di novembre,prescr nimesulene 2 al dì per una sett,da ripetere per altra.Per qualche gg sparisce tutto ma poi ricompare il solito bruciore o fastidio,specie se resto seduto per più di 30 min.AD oggi il problema rimane e si accentua se ad esempio viaggio in auto per circa 1 h,urino regolarmente e defeco regolare anche se nei mesi precedenti le feci erano dure e non compatte,oggi le feci vanno meglio bevo di più e ho assunto fermenti.Vi chiedo gentilmente se potete indicarmi possibili terapie per la cura e se il quadro così presentato vi trova daccordo sull'esito.cioè prostatite semplice.
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività +52
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
i suoi sintomi fanno pensare ad una recrudescenza della flogosi prostatica. Si rechi senza indugio da un collega, che se li tralascia poi le prostatiti diventano come le suocere: rimangano e sono difficile da mandare via
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività +44
8% attualità +8
20% socialità +20
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
caro utente per curare bene una prostatote è imortante individuare la causa della stessa ed agire su di essa
[#4] dopo  
Utente 925XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio per la risposta,le chiedo gentilmente ma per appurare la causa,quali altri esami possono essere utili oltre a ecoaddominale,ecotransrettale,analisi del sangue,urine,sperma e tre consulti con due diversi medici e relative visite?grazie molto gentili
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività +52
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergio signore,
la batteria di cose fatte è più che sufficiente. Qualche cosa in più può essere fatto, ma solo vedendo lei ed i risultati dei suoie esami. Per questo devve rivolgersi a chi la "situazione in mano"