Utente 469XXX
Buongiorno Dottore,

mia moglie ha avuto alla 38esima settimana con parto indotto una splendida bambina con un peso di 2.480kg.
E' stata fatta nascere prima perchè l'addome era un pò piccolo e non cresceva più.
Dall'esame istologico della placenta è risultato quanto segue:

INFARTI: RECENTI 1 MAX CM 3

INFARTO PLACENTARE SULLO SFONDO DI AREE CON SUBOCCLUSIONE DEI VASI NEI VILLI ED
AREE CON CONGESTIONE VASCOLARE DEI VILLI CORIALI. AUMENTO DEI NODI SINCIZIALI.
CORIONAMNIOSITE ACUTA ASPECIFICA LIEVE.

Mi potreste spiegare cosa significa? Ci dobbiamo preoccupare in caso di un'altra futura gravidanza?
Quali accorgimenti dovremmo prendere ad oggi e in futuro?

grazie

Fabio
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sicuramente il ritardo di crescita intrauterino è stato causato da una INSUFFICIENZA PLACENTARE , che viene confermata dall'esame istologico della placenta ( "infarto placentare " ) che descrive una "subocclusione dei vasi arteriosi " e quindi scarso apporto di sangue.
La causa potrebbe una infezione cervico- vaginale trascurata comparsa durante la gravidanza , con conseguente "amniosite " infezione della placenta.
Ho usato il condizionale , tutto ciò va confermato clinicamente
SALUTI