Utente 940XXX
Salve a tutti,
vi scrivo poichè, anche se richieste relative a valori di CK alterati sono già state pubblicate, erano tutte relative a sportivi.
Nel mio caso ho effettuato uno dei miei controlli annuali anche in seguito a dolori muscolari agli arti inferiori e superiori, e ho riscontrato un valore di CK di 205. Considerando che non effettuo alcuna attività sportiva e che non ricordo di aver fatto sforzi particolari, mi chiedo da cosa possa dipendere. Preciso che i controlli che effettuo avvengono poichè in famiglia abbiamo riscontrato valori alterati di colesterolo e stiamo valutando se possa essere un problema genetico. In quest'ultimo controllo però i valori generali di colesterolo (col. totale, ldl)sono risultati nella norma.
Vi sarei molto grato se potesse darmi una risposta.
Grazie mille in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente,qui di seguito riporto le condizioni che determinano un aumento transitorio o persistente del CK.Il consiglio più giusto è quello di ripetere l'esame e considerare l'evoluzione del valore nel tempo.In passato ha sempre registrato un valore aumentato?

aumenti transitori

sforzi fisici intensi, anche in persone allenate o atleti
iniezioni intramuscolari
traumi muscolari, interventi chirurgici, stati di ischemia muscolare
ciclo mestruale e gravidanza
iperpiressia
sindrome di Reye
assunzione di farmaci (per esempio acido acetilsalicilico, statine)
embolia ed edema polmonare
trauma cerebrale
alcune malattie infettive (tetano, tifo)

aumenti persistenti

soggetti suscettibili di ipertermia maligna
ipercreatininemie essenziali (anche in alcuni maschi di etnie nere)
miastenie
polimiosite e dermatomiosite
distrofie muscolari
malattie con manifestazioni convulsivanti (epilessia, tetano, alcolismo, specie cronico e con delirium tremens, in cui vi è distruzione di fibre muscolari)
alterazioni della funzionalità tiroidea
emopatie con alterazione morfologica degli eritrociti
alcune patologie tumorali (intestino, polmone, prostata)
infarto cerebrale
[#2] dopo  
Utente 940XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottore,
la ringrazio molto per la Sua risposta e seguirò di certo il Suo consiglio.

Buon lavoro e buon anno nuovo,
Fabio