Utente 472XXX
Buonasera dottori, sono una giovane donna di 34 anni con alcuni problemi di ansia generalizzata, specialmente all'avvicinarsi del ciclo mestruale. Anni fa il mio erborista di fiducia, mi aveva consigliato la rhodiola rosea che ho assunto per alcuni mesi e poi ho smesso. Ogni 4 o 5 mesi sento il bisogno però di riniziare il trattamento. Con l'utilizzo della rhodiola i miei problemi di ansia, depressione lieve, cali d'umore ed energia, svaniscono totalmente e mi permette di avere una vita attiva specialmente con l'avvicinarsi del ciclo. Non ho attacchi d'ansia e mi dimentico cosa voglia dire avere sporadici ma orribili attacchi di panico. Ho provato altri integratori diversi tipo zafferano, gaba, passiflora, valeriana, ma mi causano molta sonnolenza diurna e poca voglia di muovermi. Per quanto tempo si può assumere la rhodiola rosea a lungo periodo? E con quali altre erbe si può sostituire per non costituire una tolleranza? Vi ringrazio per la Vostra disponibilità.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Silvestri
24% attività
8% attualità
12% socialità
ASTI (AT)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Cara Signora,la prima risposta che mi viene è perchè cambiare l'erba che prende con cui si trova bene.Se è per timore di assuefazione secondo me può stare tranquilla a patto che i dosaggi siano adeguati.Dobbiamo infatti ricordarte che anche le erbe possono essere tossiche ad alti dosaggi. Se la visitassi potrei considerare invece to prescriverle precursori della serotonina o altri farmaci magari omeopatici omotossicologici come ad esempio Ignatia Homaccord.Ma sono solo esempi.Le ho solo voluto segnalare che ci possono essere alternative,magari co fitoterapici che però siano standardizzati. Questo è il punto,Se un erborista laureato e competente dosa bene la rodgiola,va benissimo