Utente 175XXX
salve, ho 28 anni e soffro dalla nascita di prolasso mitralico con modesto rigurgito, che tengo controllato con eco e holter 24 ore regolarmente.non ho mai fatto ecg sotto sforzo pero', spesso mi capitano tachicardie immotivate e diverse extrasistoli, ma il tutto mai da darmi cosi' fastidio da iniziare una terapia. ultimamente avverto piu' extrasistole di prima, e a volte quando perdo il colpo mi compare subito dopo come una scossa nel petto, inoltre la cosa che mi spaventa di piu' e' che a volte il cuore si ferma di battere per 4 , 5 colpi di seguito,io all'inizio avverto una sensazione strana , che non so descrivere , poi sento il polso e non avverto i battiti e subito dopo la perdita di 3, 4 5 colpi, di seguito mi parte non sempre una tachicardia che dura sui 10 , 15 secondi per poi tornare nella normalita'.
ma questa cosa e' pericolosa? puo' essere correlabile al prolasso? in passato non mi è mai capitato cosi',o è aritmia? sono molto spaventata aiutatemi e ditemi cosa devo fare.di solito questi fenomeni di perdita dei colpi mi compaiono a letto sdraiata oppure l'ultima volta innmacchina mentre guidavo, quindi senza fare sforzi particolari. grazie mille del vostro aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, come già specificato in un suo recente consulto l'extrasistolia che avverte può indubbiamente essere favorita dal lieve prolasso mitralico. La sintomatologia che lei descrive è molto comune, specialmente nelle donne, che per la loro conformazione toracica (più piccola rispetto a quella degli uomini) avvertono molto più facilmente tali battiti anomali, talora con la sensazione (un pò fantasiosa ed inverosimile) di improvviso arresto cardiaco. Al di là dei controlli, cui lei già si è sottoposta e che vanno comunque ripetuti con periodicità (almeno una volta ogni 6-12 mesi), cerchi di evitare condizioni particolarmente stressanti (fisiche e/o emotive)che possano favorire il fenomeno, così come in linea generale eviti l'abuso di fumo (se fumatrice), bevande eccitanti a base di caffeina, ma anche thè, cola, lauti pasti, eccessiva sedentarietà.
Cordiali saluti