Utente 385XXX
Un saluto ai dottori dello staff, e grazie come sempre del bel servizio che offritr.

sono circa 3/4 anni che d'inverno, per 5 mesi, (dai primi di ottobre a fine febbraio) uso dei rinforzanti delle difese immunitarie a base di vitamina C ed echinacea.

Proprio qualche giorno fa mi son trovato a leggere un articolo che mi ha fatto sorgere qualche dubbio sulla pericolosità....intanto stava scritto che non dovrebbe mai essere usata per piu di 15/20 giorni a ciclo ( e io facevo 5 mesi di fila), poi che non va usata in soggetti allergici al polline (e io sono allergico, anche se l'allergia si sviluppa a marzo, quando gia smetto di prenderla), e infine che nn va usata nei soggetti che hanno una qualche malattia autoimmune o che fanno terapie con immuno-soppressori a seguito di trapianti di organi:

a tal proposito, io ho subito un intervento chirurgico 5 anni fa di ricostruzione dei legamenti crociati al ginocchio sinistro con tendini da donatore, ma non ho fatto alcuna terapia anti rigetto, dal momento che mi fu detto che i tendini non sono come gli organi e vengono subito colonizzati dall'organismo, tranne rari casi.


Alla luce di tutto questo, ho rischiato qualcosa prendere queste pillole di echinacea per un uso cosi prolungato? può magari favorire l'ehinacea stessa lo sviluppo di una malattia autoimmune, potenziando troppo le difese immunitarie?


Grazie a chiunque mi vorrà rispondere.
[#1] dopo  
Dr. Antonio Silvestri
24% attività
4% attualità
12% socialità
ASTI (AT)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2013
Allora La rassicuro subito sul quesito se la echinacea possa,esagerando nel potenziare l'immunità,causare autoimmunità.Questo non sussiste.Invece è da tenere presente che anche i fitoterapici specie se assunti per troppo tempo o a dosi esagerate,possono essere agenti tossici. Quindi in generale io suggeriusco,per usi ogni anno e prolungati di ricorrere a farmaci omeopatici o immunomodulanti ma per questà è necessatrio comunque consultare un medico
[#2] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio, dott Silvestri per la sua cortese e precisa risposta. In cosa potrebbe svilupparsi questa tossicità legata all'uso prolungato? Ringraziandola nuovamente, Le auguro buon Natale!
[#3] dopo  
Dr. Antonio Silvestri
24% attività
4% attualità
12% socialità
ASTI (AT)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2013
La tossicità si può sviluppare specialmente a danno dei reni e del fegato ma anche dello stomaco e pancreas,ma dipende dalle condizioni e predisposizione della persona
[#4] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio Dottore, può dirmi quali analisi effettuare per verificare se questo mio bizzarro uso dell'echinacia possa aver arrecato qualch danno ai suddetti organi?
[#5] dopo  
Dr. Antonio Silvestri
24% attività
4% attualità
12% socialità
ASTI (AT)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2013
No,Le consiglio di non fare esami del genere a meno che non abbia sintomi o segni che lo allarmino.In altri termini per una ipotesi molto recondita di autoimmunità (che io anzi escludo) non vale la pena di effettuare esami.Perr quanto riguarda la tossicità stesso discorso se ha sospetti di non stare bene allora il Suo medico non avrà difficoltà a prescriverLe amilasi,creatinina,transaminasi,PCR ed Es.Urine