Utente 473XXX
Salve.
Ho effettuato la registrazione per poter avere un consulto. Sono preoccupata per quel che riguarda un problema verificatosi al mio seno con protesi (messe tre anni fa quindi relativamente ancora nuove).
Praticamente è capitato che mi è stato fortemente stretto il seno. So benissimo che in caso di protesi bisogna prestare la massima cura e attenzione per non incorrere in danneggiamenti. Purtroppo è capitato. Successivamente ho avvertito dolore con fitte, in particolare al seno sinistro.
Ho immediatamente fatto un'ecografia mammaria dalla quale si è riscontrato (a sx) come un doppio profilo della protesi e come se si fosse formato del liquido...del siero... Alla palpazione dei seni da parte del medico si avvertivano come due "duroni" nella parte inferiore sottostante a tutt'e due i seni ma in particolare al seno sinistro, appunto. Comunque non sembra si siano evidenziate rotture. Ovviamente mi è stato consigliato di andare a fondo con una risonanza mammaria.
Farò la risonanza non prima del 15 gennaio in quanto, in convenzione, questi sono i tempi, che anzi non ho ritenuto essere troppo biblici fortunatamente, altrimenti l'avrei fatta nell'immediato, privatamente.
Attualmente, a distanza di due settimane ca dallo sfortunato evento, il dolore a fitte sembrerebbe essersi un pochino placato ma il dolore anche se in sottofondo è rimasto. Non sto indossando reggiseno bensì una T-shirt con sopra altri indumenti, per evitare di comprimere. Oggi ho iniziato a prendere Ananase quattro volte al dì, consigliatomi da una dottoressa estetica (che poi sarebbe l'assistente del professore che mi ha fatto la mastoplastica addittiva).
La mia speranza è che l'indolenzimento sia dovuto al trauma subito e che non per questo ci debbano essere delle conseguenze negative...magari si è formato un pò di liquido ed è quello che da dolore (anche se non essendo medico non so perchè si possa essere formato...o forse si è formato un'edema interno e non saprei se quest'ultimo possa essere la causa dei "duroni" o bozzetti) che spero si possano riassorbire piano piano.
Mi auguro che non ci sia stato uno "strappo" della protesi internamente...mi rincuora il fatto che il dolore si sia in parte placato.
Ho sempre letto questa rubrica medica on-line e vedo che date sempre valide risposte, quindi Vi chiedo cortesemente di darmi un parere (sulle varie problematiche che potrebbero essere successe) poiché nell'attesa della risonanza ho un'ansia pazzesca anche se capisco che per valutare la situazione c'è bisogno di quest'ultimo esame.
Nel ringraziare anticipatamente, resto in attesa di un gentile riscontro.
Distinti Saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Nunziata
20% attività
16% attualità
8% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Gentilissima Signora, come le è stato giustamente consigliato, per avere un responso definitivo, deve attendere l'esito di una Risonanza magnetica, attraverso la quale il suo medico potrà valutare se sussiste anche una eventuale rottura protesica. In un secondo momento si rivolga al suo chirurgo per valutare insieme se è necessario sottoporsi ad un reintervento.
[#2] dopo  
473517

dal 2018
Questo lo sapevo anch'io!
La mia domanda era un'altra: In caso di NON ROTTURA, il dolore potrebbe essere dovuto ad un'edema o a del liquido formatosi a seguito del trauma?
Se poteste rispondere a questa domanda sarei molto grata.
Saluti