Utente 122XXX
Gentili Dottori,
ho problemi di erezione ed il medico curante mi ha prescritto dei controlli. - funzioni epatiche, renali, ormoni tiroidei nella norma - prolattina 21,8 ng/ml - estrdiolo 38 pg/ml - PSA 1,03 ng/ml - PSA LIBERO 0,31 ng/ml - PSA COMPLESSO 0,72 ng/ml - Testosterone libero 18,20 pg/ml - microalbulinuria 0,68 mg/dl poi ho fatto anche le analisi del liquido seminale: - clamidia e micloplasmi: negativo - quantità 1,00 ml (sotto il minimo) - viscosità normale - ph 7.6 - mobilità dopo 2 h 35% - n. nemaspermi 90.000.000 - indice di fertilità 51 - indice page-houlding fertile - morfologia: discreto numero di leucociti - alcuni nemaspermi ipotrofici. - e. colturale del liquido seminale negativo Aggiungo inoltre: - non ho nessun dolore alle parti basse - ho notato che lo sperma è poco, di colore scuro, denso ed ha poca spinta quando esce - per taponare il deficit, ho assunto del cialis 10mg con risultati stupefacenti, nel senso che l'erezione arriva anche senza stimolazione e l'effetto dura anche 3/4 giorni. Inoltre, visto che ultmimamente dormo poco, qualche sera ho preso qualche goccia di tavor ed il mattino ho sistematicamente avuto delle erezioni che prima non avevo. Le chiedo gentilmente un parere sulla diagnosi ed eventuale terapia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente, direi che dalle ultime righe del suo racconto emerge la diagnosi molto chiaramente.
Una risposta positiva agli IPDE5 come lei ha avuto è un segnale di buona funzionalità vascolare, sia di inflow arterioso che di outflow venoso. Insomma tutto funziona come si deve. Gli esami che ha fatto erano tutti doverosi (approfondirei quelle caratteristiche strane dello sperma: colore scuro, numero elevato di leucociti come possibili segni di infiammazione delle vie seminali).
Forse è da valutare una componente psicologica (stress da lavoro, emotività, ancsia etc) all'origine della disfunzione erettiva.
Ne riparli con il suo Curante mi sembra ben orientato.

Cordiali saluti

Dott. Benaglia
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore 12223,

mi sembra che il suo medico abbia voluto studiare gli aspetti andrologici, connessi alla fertilità piuttosto che quelli connessi alla funzione erettile che rappresentava la sua principale richiesta.
Il fatto di aver avuto una buona risposta al Cialis denota, a mio parere, l'esistenza di una qualche problematica vascolare che trova soluzione solo con l'aiuto di un farmaco che diciamo "sforza"le sue arterie a dilatarsi oltre la capacità normale.
Io le suggerirei di approfondire tale aspetto magari con un buon EcoColorDoppler penieno in fase dinamica.
Comunque se il "rimedio" Cialis funziona, questo potrebbe già essere un segnale positivo
Cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Oscar Fenice
20% attività
0% attualità
0% socialità
PONTE SAN PIETRO (BG)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
gentile utente,
penso che la soluzione al suo problema sia stata già brillantemente ottenuta con la terapia erettogena: questa rimane comunque una terapia e non una cura definitiva.
La possibilità di avvalersi di un supporto psicologico o comunque di affrontare direttamente la causa anzichè aggirarla è importante

con viva cordialità


dott. Oscar Fenice
[#4] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2006
Gent.mi, vi ringrazio delle vs. pronte risposte.
Nel frattempo, ho consultato un'andrologo riconduce io mio problema ad una forte dose di stress(vedi info sul mio profilo), prescriventomi DROMOS 500 ed EVION 100 come "aiutino" alla risolusione dei miei problemi.
Ho ripetuto anche lo spermiogramma:
VOLUME 1,3 ML
PH 7,2
FLUIDIFICAZIONE COMPLETA
ASPETTO PROPRIO
VISCOSITA' FISIOLOGICA
CONCENTRAZIONE SPERMATOZOI 108.000.000/ML
NUMERO TOTALE 140.400.000
LEUCOCITI 600.000 ML
MOBILITA' 1 ORA
- PROGR. RAPIDA 11%
- PROGR. LENTA 21%
- NON PROGR. (INS SITU) 15%
- IMMOBILI 53%
VITALITA' 74% DI SPERMATOZOI VIVI
FORME TIPICHE 28%
FORME ATIPICHE 72%
CELLULE GERMINALI 1-3 PC
BATTERI ASSENTI
CORPUSCOLI PROSTATICI PRESENTI
EMAZIE ASSENTI
CELLULE DI SFALDAMENTO PRESENTI
SPERMIOAGGLUTINAZIONE ASSENTE
SPERMIOCOLTURA: NEGATIVO PER GONOCOCCO, MICETI, GERMI GRAM POSITIVI E GRAM NEGATIVI
CHLAMYDIA 0,40 INDEX
Gradirei avere un vostro parere.
Cordiali saluti.



[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

saluti il dottor Biagiotti
Concordo con la terapia
cari saluti
[#6] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2006
Gent.mi Dottori,
Dopo vari consulti medici, sembra che il mio deficit erettile sia causato da stress, agitazione, ansia etc. etc., limitandosi a consigliarmi di "rilassarmi" e di tamponare con il cialis (me ne bastano 10 mg per fare delle ottime prestazioni e per più giorni).
Ora però vorrei andare anche più a fondo di questo aspetto, nel senso vorrei sapere le analisi cliniche che devo fare per verificare se è veramente un fattore di stress. Esempio, ho saputo che l'andrenalina inibisce l'erezione, è vero? è consigliabile il dosaggio? quali altre analisi dovrei fare per avere un quandro completo della situazione per capire se è effettivamente il mio stato di ansia, stress etc etc limita le mie erezioni?
Vi ringrazio di cuore.