Utente 726XXX
Buongiorno,
ho 40 anni. Circa 20 anni fa mi sono fratturato lo scafoide giocando a calcio. La frattura non è stata diagnosticata subito e ha successivamente richiesto un intervento chirurgico comprendente un trapianto d'osso tra i due frammenti principali dello scafoide fratturato.
Ora a distanza di così tanti anni, da due settimane avverto un dolore lancinante quando fletto o estendo il polso. Il dolore interviene in maniera improvvisa e solo con movimento estremi (per esempio quando cerco di sostenere il peso del corpo con la mano piegata), mentre per movimenti di ampiezza intermedia non provo nessun dolore.
Vi ringrazio anticipatamente,

Benedetto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non è possibile fare diagnosi on line senza averLa visitata. Vista la storia clinica mi sembra indispensabile fare una radiografia al polso ("Rx polso 2p + scafoide") per valutare il polso nella sua interezza ma anche per valutare lo scafoide. Dopo di che occorre che un ortopedico La visiti per valutare l'origine del dolore e quindi le cure necessarie. Nel frattempo eviti le flessioni, che non sono indispensabili, e tutte le occasioni di ipersollecitazione del polso.
Cordiali saluti