Utente 473XXX
Gentili Dottori,

mia mamma (67 anni) è stata operata il 12 gennaio scorso di tumore al seno sinistro tramite quadrantectomia. Dopo 3 sedute di chemioterapia endovenosa molto debilitanti e 15 sedute di radioterapia ha goduto di un periodo di relativo benessere. Senonché, da un semplice dolore alla schiena comparso quasi repentinamente, tramite radiografia si è scoperta la frattura dell'ottava vertebra dorsale. Frattura molto sospetta, dal momento che mia mamma non aveva subito traumi.

Dopo ripetuti esami del sangue, in cui i "marcatori" salivano pericolosamente, ed una TAC esaminata a fondo dagli oncologi che l'hanno in cura, Le è stato prescritto Ibrance 125 mg secondo schema + Letrozolo secondo schema. Inoltre Le sono state ordinate 5 sedute di radioterapia alle ossa, all'altezza della vertebra rotta. Informandomi su Ibrance ho letto di un'aspettativa media di vita (per le donne in post-menopausa) di 24 mesi; è un dato veritiero cui bisogna rassegnarsi? O la realtà, trattandosi di metastasi ossea, può essere addirittura peggiore? Grazie fin d'ora
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
" Informandomi su Ibrance ho letto di un'aspettativa media di vita (per le donne in post-menopausa) di 24 mesi; è un dato veritiero cui bisogna rassegnarsi? O la realtà, trattandosi di metastasi ossea, può essere addirittura peggiore? "

Ma non sarebbe meglio che Lei si informasse con gli oncologi della mamma piuttosto che rastrellare informazioni fuorvianti sulla rete .?

Occorre un volume e forse non basterebbe per correggere alcuni suoi pregiudizi su questa malattia derivati probabilmente da una esplorazione senza guida di informazioni sulla rete.

Le suggerisco un differente approccio alla malattia, perché di cancro si guarisce, ma è più difficile guarire dalla seconda e più grave malattia che si accompagna ad esso : la paura del cancro !

Di questo ci occupiamo da anni nel mio blog RAGAZZE FUORI di SENO, cui partecipano anche molte figlie e figli di madri ammalate e anche mariti che raccontano la storia delle mogli.


http://www.medicitalia.it/news/senologia/7376-blog-terapia-convegno-nazionale-ragazze-seno.html

in cui e' possibile correggere molti dei suoi pregiudizi su ereditarieta', prevenzione, e soprattutto PAURE e DARE SEMPRE SPERANZA . Per Lei addirittura una metastasi ossea sarebbe piu' pericolosa di metastasi in altri organi ?

http://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/4700-dare-speranza-fattori-predittivi-mera-informazione-condanna.html

Se lo desidera (si presenti con un nome, anche fasullo) e dica pure che l'ho invitata io, cosi' puo' saltare tutti i preamboli ed entri nel nostro blog delle RAGAZZE FUORI DI SENO e Le prometto che non vi lasceremo soli
..
RIASSUMA LA STORIA della mamma e parli delle SUE PAURE senza remore.....

Nel blog scrivono anche mariti e figli angosciati come Lei

VA BENE COME BASE IL COPIA-INCOLLA DI QUESTO CONSULTO ...e posti pure su

http://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-1060.html

L'aspettiamo con tanti saluti