Utente 179XXX
Buonasera, scrivo poichè mia madre ha avuto il seguente referto (che scrivo qui di seguito) e mi chiedevo se qualcuno poteva darmi un consiglio sui primi passi da compiere dopo tale responso.
Grazie, saluti

" L’esame è stato eseguito con tomogrammi assiali e coronali in T1 e T2 anche con tecnica STIR
Si documentano diffusi aspetti degenerativi a carico delle articolazioni coxo-femorali con riduzione d’ampiezza degli spazi articolari, irregolarità e deformità dei capi articolari, focolai di sofferenza osteocondrale in particolare a carico delle teste femorali, osteofitosi marginale, con quote fluide intra-articolari, reperti più evidenti a destra.
Segni degenerativi a carico delle sincondrosi sacro-iliache e della sinfisi pubica.
Note di borsite trocanterica a destra."
[#1] dopo  
Dr. Emanuele Caldarella
48% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Caro utente,

il referto che Lei riporta sembra essere quello di una RMN del bacino che descrive -in maniera molto sommaria- un quadro articolare degenerativo, in particolare a carico delle anche.
Generalmente non si tratta di un esame di primo livello nella diagnostica dell'anca, e di solito viene prescritto dallo specialista solo in caso di particolari dubbi diagnostici.

Ci può dare qualche dettaglio sul perché Sua mamma ha eseguito questo esame? Quali disturbi accusa?

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 179XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera dott. Caldarella La ringrazio per la sua cortesia e disponibilità.
Inizialmente c’era un problema alla colonna (grave scoliosi) vertebre schiacciate L1 L3 L4 L5 che si è aggravato da un anno a questa parte.
L’estate scorsa ha effettuato dell’inflitrazioni di ozono alla colonna con risultati mediocri accusando dolori dall’inguine fino al ginocchio e successivamente una RX al bacino in cui è risultato anche una grave artrosi alle anche (praticamente non c’è più cartilagine soprattutto in quella destra)
Attualmente sta facendo delle punture (clody 200mg) per rinforzare le ossa (prescritte da una Reumatologa) e a scalare delle punture di bentelan (4 mg).
[#3] dopo  
Dr. Emanuele Caldarella
48% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Caro utente,

spesso purtroppo la sintomatologia relativa alla colonna vertebrale è strettamente correlata a quella delle anche.
Pur non potendo valutare direttamente l'esame, devo dire che il radiologo è stato abbastanza esplicito nel descrivere un quadro degenerativo avanzato, ed il mio suggerimento sarebbe quello di far valutare la mamma da un ortopedico, per capire se non sia il caso di pensare ad un intervento di chirurgia protesica:

http://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/587-artrosi-anca-coxartrosi-protesi.html

Qualora per Sua madre fosse già indicato ricorrere ad una tale soluzione, oggi per fortuna esistono tecniche adatte anche a pazienti giovani ed attivi. In particolare, visto che entrambe le anche sono descritte come coinvolte da processo degenerativo, è anche possibile prendere in considerazione l'idea di un intervento bilaterale in contemporanea. La invito a leggere questi articoli che cito di seguito per darLe un'idea del percorso da affrontare e dei pro e contro della soluzione bilaterale.

http://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/1-protesi-anca-paziente-giovane.html

http://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/730-protesi-anca-bilaterale-contemporanea.html

Distinti saluti
[#4] dopo  
Utente 179XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera dott. Caldarella, la ringrazio ancora per la sua disponibilità.