Utente 474XXX
Buongiorno Dottori,
In data 15 Dicembre 2017 ho fatto un’intervento con anestesia generale,
Al mio risveglio avevo Solo l’occhio DX secco, rosso, lacrimava, fotofobia,presenza di corpo estraneo e vista offuscata.
Non sò se questo è dipeso dai cerotti usati per anestesia totale per chiudere le palpebre o magari mi hanno lasciato l’occhio mezzo aperto e si è seccato.
Dopo 3 giorni sono andato in pronto soccorso oculistico e mi hanno trovato due piccolissimi infiltrati corneali inferiori e mi hanno dato come cura Vigamox per una settimana e Thealoz.
Sono ritornato dopo 4 giorni a fare una visita di controllo e erano presenti ancora gli infiltrati e anche una lieve disepitelizzazione infero nasale, mi hanno detto di finire la cura con vigamox e continuare con thealoz per almeno 2 settimane.
Io 3 anni fa ho fatto una PRK a entrambi gli occhi, e a settembre dopo una visita periodica di controllo avevo una vista perfetta a entrambi gli occhi.
Attualmente sono passati 8 giorni da quando è successo tutto , l’occhio è tornato bianco normale mi hanno detto anche che la cornea è sana apposto, l’unica cosa che non vedo ancora bene e la notte è ancora peggio come se avessi un 0,75 di miopia al DX,
Mi chiedo è possibile che questo che mi è successo possa infierire con il PRK Che ho fatto facendomi tornare un po’ di miopia?
Vi ringrazio anticipatamente del consulto.
Buone feste
[#1] dopo  
Dr. Diego Micochero
32% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Una disepitelizzazione corneale dopo un intervento chirurgico in anestesia generale è un evento non infrequente, generato di solito da una secchezza corneale.
Gli infiltrati sono dovuti ad una infezione che è stata bene trattata con gli antibiotici, quindi non vedo motivi di allarme.
L'offuscamento visivo è di solito dovuto a piccole nubecole ( aloni postcicatriziali ) corneali, che di solito, se superficiali , scompaiono dopo alcune settimane.
Il mio consiglio, per maggiore sicurezza, è di sottoporsi ad una visita specialistica presso il chirurgo che ha eseguito la PRK, il quale bene conosce la sua situazione oculare e quindi potrà darle tutte le spiegazioni del caso.
Cordialmente