Utente 455XXX

Buona sera dottori. Cominciò dicendo che sono sempre stata una persona con una forte componente ansiosa, da qualche anno sento però che la situazione sta peggiorando.

Le mie ansie più forti si concentrano principalmente sulla salute, non mi sono mai preoccupata molto, ora invece basta un mal di pancia per mandarmi nel panico e convincermi che ci sia qualcosa di grave.

Quasi tre anni fa mio padre ha subito un operazione di routine e credo sia cominciato da lì il mio preoccuparmi costantemente di ogni segnale che arriva dal mio corpo. L'ansia mi prende ovviamente anche quando sono le persone a me care ad avere un problema. Mi sto rendendo conto ch sta diventando paura della vita.

Ho il terrore di cosa potrebbe accadere tra un mese,un anno ecc ecc... mi rendo conto da sola che non è vita. Ad es. La sera del 31 mia madre ha detto che tanto anche questo sarà un anno difficile e da quel momento mi sono fissata e non penso ad altro....mi sento male....

Da un anno prendo xanax gocce per controllare un po' l'ansia ma non ho mai parlato con uno psicologo. Non ho la forza di andare.... c'è qualche pensiero su cui potrei concentrarmi, qualcosa che possa aiutarmi in quei momenti più difficili?

Non ce la faccio più, vorrei vivere con spensieratezza ma la mia testa non me lo permette...ringrazio chiunque avrà voglia di rispondere.

[#1] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

se il papà adesso sta male (benchè siano trascorsi tre anni), mi pare ovvio sentire una certa preoccupazione, ma se -al contrario- l'intervento è andato bene e ciò che dice la mamma è esagerato (perchè mai quest'anno dovrà essere pesante? chi può dirlo o saperlo?), allora davvero l'ansia patologica sta prendendo piede e ritengo che una consulenza psicologica diretta sarà molto utile.

Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 455XXX

Iscritto dal 2017
Dottoressa la ringrazio per la sua risposta che ha confermato quello che sento da un po' e cioè l'essere arrivata ad un punto in cui ho davvero necessità di rivolgermi ad un medico... spero di trovare al più presto la forza ed il coraggio di farli.
La ringrazio ancora....buona notte.
[#3] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti
40% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

La "consulenza psicologica diretta" auspicata dalla Collega Dott. Pileci
e del tutto condivisibile
va effettuata NON da un medico,
bensì da uno/a psicologo/a psicoterapeuta che potrà trovare sull'Albo Psicologi.

Saluti cordiali.