Utente 936XXX
buona sera volevo un informazione.
nel 2001 ho avuto una prostatite, curata efficacemente dopo 2 cilci da 1 mese e mezzo di levoxacin500.
da quellavolta non ho piu nessun sintomo, non avverto ne bruciolri, ne dolori, nulla.
ho fatto piu volte la spermiocoltura, esclusivamente come esame di controllo, e' sempre risultato tutto negativo, cellule assenti e leucociti sempre assenti.
ho voluto fare anche il massaggio prostatico, anche contro la volonta' del mio dottore. anche questo completamente negativo. il mio andrologo dice che faccio troppi esami, sopratutto in assenza di sintomi. ha detto che non ho nulla. e sto diventando ipocondriaco da internet. la mia domanda e' questa: questi esami ripetuti piu volte e sempre di esito negativo sono sufficenti per escludere una prostatie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente, segua i consigli del suo medico e stia tranquillo
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

indubbiamente una prostatite può lasciare un retaggio di "paure" anche abbastanza importanti circa la possibilità di "ricascarci".
Ma, la diagnosi di prostatite, così come di qualsiasi malattia, non può prescindere dalla storia, dai sintomi, dalla valutazione clinica e dai dati di laboratorio o strumentali. Senza questi dati si corre il rischio di cadere nella "ipocondria"
Cari saluti