acne  
 
Utente 449XXX
Gentili dottori,
Sono una ragazza di quasi 27 anni, e da quando ho 18-19 anni prendo la pillola anticoncezionale. Prima Yaz e poi, da circa 4 anni, Gracial, per una problematica legata all’acne (ho chiesto un consulto simile su questa problematica che sempre non riesco a risolvere).
Faccio questa premessa prima di parlare del mio reale problema: io non so se ho mai raggiunto l’orgasmo. Credo di no, comunque. Ho avuto il mio primo rapporto a 17 anni, doloroso e spiacevole, ricordo ancora la mia sensazione di “chiusura” quasi totale. Ho avuto in totale 4 partner sessuali, e con nessuno di loro sento di aver raggiunto il massimo piacere. Quando ho rapporti sono iper-vigile, come se dovessi tenere tutto sotto controllo, e soffro sicuramente di “spectatoring”. La penetrazione è sempre stata difficile e dolorosa, perché ho una lubrificazione esigua se non inesistente e anche quando provo desiderio, se il desiderio è corrisposto il mio primo pensiero è alla mia sicuramente scarsa lubrificazione del momento, i gel lubrificanti (prescritti dal ginecologo) mi causano un’ansia maggiore nel timore che si asciughino.
Ho letto tanto sull’anorgasmia, so che più ci si focalizza sul problema più ci si allontana dalla soluzione, perché ovviamente si è sempre meni rilassate, ne ho parlato col mio ginecologo (che mi segue da quando ho assunto la prima pillola) e quanto alla lubrificazione lui mi prescrive sempre un gel diverso, che sì nell’immediato fa il suo effetto ma poi si inaridisce o screpola ed è peggio di prima. All’ultimo controllo ginecologico ho anche chiesto al dottore di descrivermi esattamente come fosse un orgasmo, che per quanto riguarda la parte meccanica significa avere alcuni spasmi involontari della vagina in un picco di qualche secondo di piacere, e una conseguente difficoltà nella minzione per pochi minuti, e una lubrificazione intensa. Queste sensazioni io ricordo di averle provate, anche molto intense, quando ero ragazzina, ma senza alcuna stimolazione manuale, semplicemente strusciandomi stando a pancia sotto sul letto. Ricordo gli spasmi, non essendomi mai toccata prima di qualche tempo fa non ho idea se fossi lubrificata o meno, ma in ogni caso non la ricordo come una sensazione follemente forte, sì era piacevole e bello ma non straordinario.
Comunque le mie domande sono le seguenti:

- 2) l’assunzione della pillola influisce in maniera pesante su questo? E la sospensione invece recherebbe benefici?
- 3) ci sono dei gel lubrificanti che non asciugano mai, non hanno sapore né odore e possono essere utilizzati senza alcuna controindicazione?
- 4) c’è un modo naturale per aumentare la lubrificazione in maniera permanente?
- 5) esiste un qualche tipo di disfunzione che, pure durante l’eccitazione, impedisce di “bagnarsi”?
- 6) è possibile, nella donna, avere un orgasmo asciutto, cioè avere una lubrificazione esigua e solamente “interna” (no piccole labbra o altro) anche durante/dopo l’orgasmo? 



Ringrazio tanto per qualsiasi consiglio
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
II termine " spectatoring " sta ad indicare un fenomeno consistente nel “porsi al di fuori di sé” come osservatori e spettatori giudicanti delle proprie reazioni sessuali e della propria performance, in cui diventa difficile bloccare i pensieri ossessivi riguardo la propria risposta sessuale e i commenti interni sulla propria attività.Questa è una prima motivazione .
Le altre possibilità potrebbero essere legate a cause irritative(vaginiti ) di eccessiva sensibilità periferica (vulvodinia ???) .
Per la secchezza vaginale ci sono numerosi gel vaginali a lunga durata (applicazioni ogni 2/3 giorni) .
La pillola potrebbe giocare un suo ruolo legato ad alcuni progestinici che portano a riduzione della libido e secchezza vaginale , e ciò si risolve passando ad una pillola con clima ormonale diverso.
SALUTI
[#2] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dottor Blasi la ringrazio per la sua risposta.

Potrebbe consigliarmi qualche gel con l'applicazione ogni due tre giorni? So che non potrebbe dirmi la marca ma potrebbe magari suggerirmi gli ingredienti attivi per poter poi fare io stessa una ricerca in autonomia.

Cosa intende per "clima ormonale diverso"?
Per esempio, quali estrogeni/progestinici dovrebbe contenere una pillola per avere meno effetti collaterali di quelli di cui risento io?

La ringrazio per qualsiasi ulteriore suggerimento