Utente 876XXX
Gentilissimi Dottori,
sono una donna di 40 anni e da anni (circa 20) soffro della comparsa di macchie rosse su dorso, braccia e collo post febbre.
Ogni volta che mi viene la febbre (sia che sia una linea sia alta), al momento dello sfebbramento (anche senza prendere medicinali) mi compaiono delle chiazze rosse che partono dal seno scendono sulla pancia, poi risalgono e mi prendono parte della schiena,fino al collo.
Non mi danno, nè prurito, nè bruciore, sono solo molto calde.
Dopo due o 3 giorni se ne vanno da sole.
Qualche anno fa (circa 3), ho iniziato ad avvertire,quando le macchie arrivavano al collo, una sensazione di affaticamento nel respiro, e per sicurezza mi recavo al pronto soccorso, dove mi veniva praticata una infusione di cortisone e per una settimana mi veniva prescritto il bentelan unito ad un antistaminico.
Ho iniziato a fare mille prove allergice, farmaci, alimenti, polveri ecc..sono stata anche ricoverata al Niguarda a Milano 10 giorni a maggio 2007 per una serie di accertamenti su questa cosa, ma nulla..tutto negativo, sia le varie analisi che le prove allergiche.
Purtroppo loro con la febbre non mi han mai vista (abito nella provincia di mantova).L'unica cosa che han detto è che probabilmente è una reazione del mio corpo allo stato febbrile.
Ora io mi chiedo..posso vivere nel terrore di dover correre al pronto soccorso ogni volta che ho un po' di febbre?o posso prevenire questa cosa? Ieri mi è venuta la febbre a 39, ho preso subito un antistaminico (zirtec) oggi un altro, ma ora, che la febbre è passata, mi sto già riempiendo di macchie..
Avete qualche consiglio da darmi?
Vi ringrazio infinitamente e Vi auguro un sereno Natale

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Essendo lei gia' stata abbondantemente valutata in un centro prestigioso, ogni nostro commento (privo delle informazioni che invece risulteranno nella cartella del Niguarda) sarebbe presuntuoso.

Gli esantemi (puntini post infettivi) sono una forma di vasculite, che accompagna infezioni virali, allergie a farmaci e situazioni autoimmuni.

Sicuramente a Milano le avranno fatto gli ANCA (marcatori di vasculite sistemica) che saranno risultati negativi, altrimenti ce lo avrebbe riferito.

Quello che posso dire e' che la vasculite e le "sensazioni di affaticamento al respiro" (una crisi d'asma pero' e' ben altro) sono due cose distinte, non correlate e solo eventualmente temporalmente coincidenti.

Inoltre, mentre antistaminico e cortisonico fanno passare l'asma, che dipende da mediatori chimici, non fanno nulla alla vasculite, che dipende per lo piu' dalla precipitazione di immunocomplessi antigene-anticorpo (anche, eventualmente, da anticorpi eterofili aspecifici).

Oltretutto mi chiedo anche come fa una febbre di 39 a scomparire da un giorno all'altro, se era una influenza seria le doveva durare una settimana.

[#2] dopo  
Utente 876XXX

Iscritto dal 2008
Dott.Bianchi,
anzitutto la ringrazio per la tempestiva risposta.
stamattina mi sono dovuta recare al pronto soccorso perchè le macchie si erano trasformate in una chiazza unica e dove mi ha visitata sia un dermatologo (che mi ha detto che secondo lui trattasi di orticaria) e un otorino in quanto c'era un lieve edema della glottide (mi era già successo altre volte sempre dovute alla febbre).
Mi han praticato flebo di cortisone, fiala intramuscolo di antistaminico e solita acqua fisiologica e un protettore gastrico.
..ma alla fine non so cosa mi causa queste cose.
Le indagini fatte al niguarda sono ves-pcr-emocromo+fl-funzionalità epatica e renale, QE, proteine totali,elettroforesi sieroproteica,beta2microglobulina, LDH,C3,C4,triptasi,esame urine.ANA, ENA, RA test, WAALER ROSE,ANTITIREOGLOBULINA,ANTITIREOPEROSSIDASI.BH LATTOSIO ED H.P.(quest'ultimo positivo, ma ho provato per ben 6 volte, l'ultima con una biopsia ed antibiogramma per e vedere a quale tipo di antibiotico era sensibile,ma non se n'è mai andato) . test su alimenti commerciali freschi (cutireazioni)e su inalanti e niche (solo qst ultimo debolmente positivo), spirometria basale nella norma, tolleranza con mepivacaina.
Non vedo gli anca, o sono scritti sotto un'altra forma? se non ci sono li posso richiedere al mio medico di base?

Scusi la lunghezza della mail e grazie infite
Buon Natale
[#3] dopo  
Utente 876XXX

Iscritto dal 2008
dimenticavo, per quanto riguarda la febbre, spesso mi capita di avere la febbre alta anche solo per un giorno e il giorno dopo più nulla..a volte se è molto alta (mi è capitato anche a 40, mi passa nel giro di una notte anche con una sola tachipirina)
saluti
[#4] dopo  
Utente 876XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno e buon anno!
Sono di nuovo a disturbarla in quanto, quando andai al pronto soccorso, il dermatologo mi prescrisse i seguenti esami,che ho ritirato ieri.
Di seguito i risultati:
ESAME RISULTATO VAL.NORMALE

TAS TITOLO
ANTISTREPTOLISINICO
turbid. INF A 200 IU/ml inf.a 200

MONOTEST NEGATIVO megativo
Agglut.

PARVOVIRUS B19 IGG 9.21 U.A. <0.9:negativo
Immunoenz. est. 0.9-1.1:dubbio
>1.1:positivo

PARVOVIRUS B19 IgM 0.21 U.A. <0.9:negativo
Immunoenz. A cattura est. 0.9-1.1:dubbio
>1.1:positivo

CITOMEGALOVIRUS IgG <4.0 UA/ml fino a 4.0:negativo
ELFA 4.0-6.0:dubbio
Sup.a 6.0:positivo

HERPES 1 AbS IgG 175.0 UA/ml <36:negativo
Immunoenzim. est. 36-44:dubbio
>0=44:positivo

HERPES 2 Abs IgG 14.9 UA/ml <40:negativo
Immunoenzim. est. 40-44:dubbio
>0=44:positivo

HERPES 1-2-Abs IgM 1.1 UA/ml <50:negativo
Immunoenzim. est. 50-60:dubbio
>0=60:positivo

EPSTEIN BARR EBNA IgG 201.0 UA <5.0:negativo
Chemilum. est 5.0-20.0:dubbio
>20.0:positivo

EPSTEIN BARR VCA IgM 10.0 <20.0:negativo
Chemilum. est 20.0-40.0:dubbio
>40.0:positivo
Mi può cortesemente dare una traduzione alla positività dei valori del parvovirus, herpes 1 e epstein barr ebna?

La ringrazio moltissimo per l'attenzione e la saluto cordialmente




[#5] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Epstein barr: IgG positive ma IgM assenti = infezione fatta nel passato, come del resto molta gente (si veda anche il montest negativo, esso cerca anticorpi eterofili, in verita' poco specifici, legati alla infezione recente)

Herpes 1: infezione fatta nel passato, del resto l'herpes prima o poi lo facciamo quasi tutti

Herpes 2: mai stata infetta

Citomegalovirus: mai stata infetta

Parvovirus: IgG positive ma IgM assenti = infezione fatta nel passato.

Anche lo streptococco (TAS) e' tranquillo.

In definitiva in PS il dermatologo ha pensato alla sua reazione cutanea come alla sequela di una recente infezione virale (ipotesi condivisibilie), ha cercato quindi la prova di infez. recente da alcuni virus, ma l'ipotetico virus non era fra quelli cercati.

Solo la positivita' delle IgM denota infezione recente.



[#6] dopo  
Utente 876XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio infinitamente dottore.
E' stato molto chiaro.
Cordiali saluti e buona giornata