Utente 233XXX
Attendo ansiosa una vostra rispost e mi scuso x aver disturbato in un giorno di festa.Mi chiamo Alessandra ho 28 anni,corporatura esile, ex fumatrice.
Da una decina di giorni avverto forti bruciori allo sterno, nell'area compresa tra i seni e alla bocca dello stomaco.
Preoccupata più che altro per il fastidio al petto( un dolore/bruciore abbastanza continuo, indipendentemente dalla posizione in cui mi trovo) lunedi 22 mi sono recata al pronto soccorso.
Mi è stato fatto un elettrocardiogramma, l'rx x escludere focolai o problemi polmonari controllo di routine con l'esame del sangue.
Tutti i valori sono normali e il medico ha diagnosticato epigastralgia prescrivendomi "PANTORC" al quale ho aggiunto il "RIOPAN" come antiacido.
Non trovando sollievo oggi 26 sono tornata in Pronto soccorso sperando di poter avere un parere dal gastroenterologo.Vista la carenza medica poichè festivo, ho ritrovato il medico dell'altro giorno, il quale mi ha visitata e mi ha rifatto gli esami del sangue.
Ribadendo a suo parere "Pirosi in epigastralgia".
Quello che a me preoccupa è il forte bruciore allo sterno,accompagnato da innappetenza(cerco di mangiare lo stesso qualcosa e bevo molta acqua e the zuccherato),lingua impastata,senso di pienezza e bruciore di stomaco.
Voglio precisare che in questi giorni non ho vomitato, non ho sentito rigurgiti salire in gola, ho avuto solo 2 episodi di diarrea successivamente al pasto.
cosa mi consigliate di fare ?
A vostro parere cosa potrebbe essere?
Se si dovesse manifestare il vomito devo preoccuparmi?

Ringrazio e saluto
Alessandra

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Sembra che lei sia a buon punto! Infatti gia' al Pronto Soccorso hanno sospettato un reflusso gastro-esofageo. Quello che deve fare adesso e' soltanto un consulto da un gastroenterologo al fine di confermare questa diagnosi e farsi prescrivere la terapia di mantenimento o eventuali ulteriori accertamenti.
Vomito e diarrea in genere non hanno nulla a che fare con tutto cio': si tratta probabilmente di episodi passeggeri dovuti ad altre cause.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2006
grazie dottore.
Ieri sera ho avuto vomito e diarrea(acqua sporca),diversi episodi.
Stamattina sto meglio ma avverto cmq un leggero bruciore al petto.
Dice che posso aver contratto virus gastro intestinale, (senza febbre)e nello stesso tempo aver un'altra patologia?
Ho anche pensato che magari il mio corpo a digiuno non ha accettato le medicine che ho preso: il Pantorc e il Riopan(che non mi ha fatto passare il bruciore al petto)e quindi li ha espulsi.
Continuo a prendere il Pantorc come mi è stato prescritto?
La ringrazio ancora molto, buona giornata
[#3] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2006
inoltra aggiungo: ma è normale che un disturbo gastrico faccia permanere il bruciore x 2 settimane?
[#4] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
come già suggeritole è il caso che lei effettui un consulto gastroenterologico per accertare la presenza o meno di un reflusso gastroesofageo. Tale patologia permette la risalita di sostanze acide in esofago e causa pirosi (bruciore retrosternale) oltre che possibili disturbi respiratori (suo consulto su tosse persistente Aprile 2007) fintanto che non viene diagnosticata e trttata farmacologicamente.
In attesa continui quindi ad assumere la terapia prescritta.

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2006
grazie dottore
una sola curiosità: il reflusso di solito fa salire gli acidi in gola,fino a sentirli, o puo' anche solo fermarsi nell'esofago?
La tosse persistente fu di origine nervosa, infatti appena cambiai lavoro e città sia la tosse che il prurito x cui chiesi consulto cessarono.
Grazie!
[#6] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
può farli risalire fino in gola, specie in posizione supina e durante il sonno.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Aggiungo che e' possibile che il vomito, se l'episodio e' stato ravvicinato all'assunzione di farmaci, puo' aver causato la non completa azione degli stessi... insomma potrebbe essere come se non l'avesse presi! Da qui il non completo controllo della sintomatologia.
Ritengo tuttavia che nel suo caso sia da distinguere la patologia di base, per la quale le e' gia' stato piu' volte consigliato di rivolgersi ad un Gastroenterologo per un consulto diretto, e gli episodi di vomito/diarrea che hanno in genere cause diverse e per lo piu' carattere passeggero.
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2006
vi ringrazio per le risposte.Vomito e diarrea non sono più ricomparsi, probabilmente sono stati causati dall'assunzione dei medicinali quasi a digiuno.
Ad oggi avverto ancora bruciore al petto e talvolta allo stomaco.Domani finalmente andro' dal medico.
Vorrei solo dire che io i rigurgiti in gola non li ho.MI capita di fare "ruttini" ma non sento salire l'acido in gola, come sembra invece tipico del reflusso gastroesofageo,nemmeno se sono sdraiata.
Inoltre è normale che il sintomo del bruciore persista da 2 settimane?
Due settimane fa ho avuto emorroidi puo' esserci correlazione tra le due cose?
Il bruciore inoltre è correlato x forza allo stomaco o puo' essere sintomatico di qualcos'altro(elettrocardiogramma e raggi toracici sono ok)
Scusate il disturbo ma finchè non mi consultero' personalmente con il gastroenterologo non riesco a stare tranquilla!
Grazie 1 milione di volte!!!!
[#9] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il bruciore puo' essere anche scambiato per segni di pertinenza cardiologica, ma l'ECG negativo e la sua giovane eta' sono due buoni motivi per pensare che sia proprio dovuto al reflusso. Ovviamente anche altre cause di natura diversa, sebbene meno probabili, non possono essere escluse del tutto fintanto che non si sottopone a Visita Medica diretta. Infine, non vedo correlazioni dirette tra emorroidi e reflusso gastro-esofageo.
La rimando dunque al consulto con il Gastroenterologo, come gia' ampiamente consigliato.
Cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2006
Salve,in questi ultimi giorni i bruciori al petto non sono più ricomparsi,se non in alcuni momenti e più che bruciori sono fitte.
Ho fatto l'esame dell'Helicobacter pylori con risultato negativo e lunedi ho la gastroscopia.
Se si trattasse di reflusso è normale che io avverta fastidio anche nella parte alta della schiena?
Avverto saltuariamente fastidio anche sotto il seno sinistro, come delle fitte.
Se nelle settimane scorse non avevo appetito, ora ho ripreso a mangiare normamente e quasi tutto evitando insaccati,sgrumi o caffè..ma la sera dopo cena avverto cmq un senso di pesantezza.
Cosa ne pensate?
[#11] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Nella stragrande maggioranza dei casi la sintomatologia del reflusso gastro-esofageo e' localizzabile al centro del petto.
Attenda comunque i risultati della gastroscopia poi, se crede, ci aggiorni.
Cordiali saluti
[#12] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2006
infatti io non credo sia reflusso come invece pensa il mio medico, penso piuttosto all'ernia iatale.
Lei che ne pensa?
Se no non trovo nessuna correlazione tra disturbi gastrico e alla schiena.
Il dolore alla schiena potrebbe essere un dolore riflesso?
Ho fatto i raggi 2 settimane fa e tutto era a posto.
[#13] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il reflusso gastro-esofageo spesso e' diretta conseguenza di un'ernia iatale. Molti dubbi forse potra' chiarirli leggendo un articolo pubblicato di recente su questo stesso sito, e reperibile al link
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=62615
nel quale potra' anche verificare quali siano gli altri sintomi generalmente collegati a questa patologia.
Cordiali saluti