Utente 474XXX
Da circa 3 mesi (non costanti) ho acufene pulsante orecchio destro. Ho notato che mi si manifesta con i cambi di temperatura o troppo caldo in casa o se sto fuori di inverno basta un po' di freddo per manifestarsi. Il fastidio svanisce se appoggio la mia mano al di sotto dell'orecchio destro appena sotto all'angolo della mandibola. Ho in oltre un piccolo dolore (come fosse una sorta di scossa) sotto al mento in profondità sempre verso la parte destra. Palpando non sento alcun segno di gonfiore. Il piccolo dolore non è forte e non è frequente ma c'è. Premetto che soffro di attacchi di ansia e sono in un periodo di forte stress emotivo. Sono una neo mamma e ho un bimbo molto impegnativo e anche "pesante" nel verso senso della parola, quindi ho molti dolori muscolari (io sono sempre stata molto magra e fine). Il senso di fruscio all'orecchio (come se ci fosse del vento contro) lo sento specialmente se ruoto la testa verso sinistra o se devo abbassare la testa velocemente (con il bimbo è molto frequente). Ho fatto panoramica dentale siccome 3 mesi fa ho avuto un po' di fastidio con i denti del giudizio sempre nella parte destra (ma tutto si è fermato nel giro di due settimane, non sono neanche usciti). La panoramica non da esito di infezioni, tutto nella norma.in oltre la sera di norma intorno alle 2:00 di notte da circa 1 mese, mi sveglio con reflusso (faccio spesso rinfacci acidi) e questo mi reca ancor piu ansia. Ho sempre sofferto di colite e difficoltà di digestione essendo molto nervosa e ansiosa, e ho intolleranze ai latticini. Insomma vorrei sapere se ci fosse un legame tra tutti i miei sintomi. Chiedo una vostra gentile risposta, grazie, saluti.
[#1] dopo  
Dr. Gaetano Moccia
28% attività
20% attualità
12% socialità
AFRAGOLA (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Salve Signora,
Innanzitutto inizi a prendere in considerazione la necessita' di ridurre i livelli di ansia , che sembrano all'origine di molte difficolta' di cui lei scrive.
Si rivolga innanzitutto ad un neurologo o psichiatra per una terapia medica e poi ad uno psicologo. Ne trovera' notevole giovamento, credo. Poi passera' alla eventale cura dell'acufene. Nel frattempo curi l'acidita' con antireflusso , che le potra' prescrivere il suo medico di medicina generale .
Saluti e, se vuole , mi tenga aggiornato .
[#2] dopo  
Utente 474XXX

Iscritto dal 2017
Buonasera, la ringrazio per il suo gentile riscontro. Cercherò di seguire quello che lei mi ha appena detto. Sicuramente è tutto legato al mio forte stress anche perché non è sempre costante ci sono giorni che lo sento l'acufene di più, altri che neanche ci faccio più caso....
Lo terrò aggiornato.
Grazie e buona giornata