Utente 436XXX
Buongiorno,provo a spiegarvi la mia situazione per cercare di avere delle risposte in merito . Tre mesi fa sono stata operata tramite craniotomia ad un meningioma parietale destro, scoperto 4 anni fa tenuto sempre sotto controllo tramite risonanza magnetica! Nell’ ultima risonanza prima dell intervento ho una forte reazione allergica al mdc diagnosticato come Shock anafilattico grave con la chiusura dell’ugola! Per evitare che ciò si ripeta al prossimo controllo mi è stata prescritta una tac con protocollo da eseguire 48 ore prima ! Ora, il punto è , che nonostante il protocollo e nonostante il cambio da risonanza a tac tutti gli anestesisti consultati per affiancarmi durante L esame si sono rifiutati di prendersi responsabilità vista la gravità della situazione , premetto che anche mia sorella per via di medicinali e frutta è andata in shock anafilattico finendo purtroppo in coma per due giorni , è proprio per via di questa familiarità il primario ha dato ordine di non prendere responsabilità in quanto lui eviterebbe a priori questo controllo . Ora mi chiedo io senza L autorizzazione dell anestesista non sono convinta di fare L esame , e soprattutto sto prendendo in considerazione L ipotesi di rinunciare al mdc . Voi come vedete questa forte allergia con tanto di familiarità ? Fareste eseguire lo stesso l’esame?
[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
8% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Buon giorno, la decisione va presa in accordo tra il medico che prescrive l'esame, il radiologo che lo deve eseguire ed il servizio di anestesia. E' un discorso di rapporto rischio/beneficio, di importanza dell'esame con mdc ai fini della sua patologia. Noi da qui non possiamo esprimere un parere perchè non siamo parte coinvolta nel suo caso e la responsabilità dell'anestesista è personale: ossia nessuno di noi farebbe mai una cosa, se non è d'accordo, solo perchè lo ha detto un collega.
Mi dispiace di non poter fare di più, saluti.