Utente 215XXX
Buonasera, tre mesi fa sono stato operato per una sindrome d conflitto alla spalla sx
Per l'esattezza riporto:acromionplastica, tenotomia del clbo ,vaporizzazione della sinovia ,bursectomia aggressiva ,rimozione della sinovia adeso al.sovraspinoso.
Ho portato un tutore a sacca per 15 gg dopodiché ho iniziato il programma di recupero di fisioterapia ,ad oggi ho ancora dolorw a riposo soprattutto quando mi distendo e la notte ormai ho raggiunto la totale intolleranza agli antinfiammatori che mi creano grossi problemi intestinali ,oggi ho fatto la visita di controllo con il chirurgo che mi ha detto che ho una malatia dei tendini molto difficile da curare e che non posso fare infiltrazioni inttarticolate per via de mio diabete attualmente non so cosa fare mi capita di farmi male con uno starnuto ho facendo uno scatto improvviso istintivo dEl braccio e questo è anche il.motivo per cui non ho ripreso l'attività lavorativa .
Chiedo a voi "gentili dottori"se è normale avere ancora tali disturbi oppure farei meglio ad indagare per capire se ci potrebbero essere altre patologie che io sconosciuto
Grazie per la risposta che vorrete darmi
[#1] dopo  
Dr. Marco Bonelli
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2015
Buongiorno,
il complesso referto postoperatorio testimonia una patologia importante della cuffia dei rotatori.
L’incongruenza articolare e l’ eventuale iperuso hanno portato ad una lesione multipla dei tendini della spalla con una importante sinovite reattiva . Se non soffre di una patologia reumatica diffusa ( artrite psoriasica ad esempio ) da escludere con un videat reumatologico siamo in presenza di una patologia severa localizzata .
Il chirurgo che è intervenuto avrà fatto del suo meglio per tamponare e parzialmente risolvere il problema. Alla controindicazione delle infiltrazioni di cortisone per la presenza di un diabete va aggiunta quella di aumentare l’usura dei tendini appena riparati quindi la sola strada praticabile resta una riabilitazione mirata con personale altamente specializzato volto al recupero del cingolo muscolare scapolare con una discreta ripresa funzionale una riduzione dello stress articolare con conseguente dolore ed una buona igiene articolare che Le permetta di convivere al meglio con la patologia.
Effettui una visita fisiatrica e si affidi ad un ottimo e preparato fisioterapista.
Può aggiungere eventualmente un integratore per il collagene da prendere a cicli.
Un saluto
[#2] dopo  
Utente 215XXX

Iscritto dal 2011
La rin grazioso per la celere risposta ma che io sappia non soffro allo stato attuale di qualche altra malattia a parte il diabete ma il sospetto era già nei miei pensieri visto che l'altra spalla sta cominciando ad avere gli stessi sintomi ,mi rivolgerò sicuramente ad un reumatologo anche se penso che durante l'intervento poteva essere prelevato il liquido sinoviale ed analizzarlo.
Per quanto riguarda le infiltrazioni lo so che il cortisone e controindicato ma gli altri medicinali antinfiammatori e l'acido ianulorIco?
Grazie e spero che il futuro sia più sereno e che questa eventuale patologia mi possa permettere di continuare a lavorare nelle forze dell'ordine
[#3] dopo  
Dr. Marco Bonelli
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2015
Buonasera,
dopo aver effettuato il consulto reumatologico potrà mettere in programma un ciclo di infiltrazioni con acido ialuronico che avrà un effetto sicuramente benefico sull’articolazione e sui tessuti extra articolari .
Per quanto riguarda i farmaci antinfiammatori se non presenta controindicazioni generali vanno utilizzati che n parsimonia e sotto controllo medico .
Non si abbatta migliorerà ,
Un saluto
[#4] dopo  
Utente 215XXX

Iscritto dal 2011
Grazie di cuore