hiv  
 
Utente 467XXX
Buongiorno dottori...e grazie in anticipo per il tempo che mi dedicherete. Il mio quesito è questo... durante l infezione da hiv è possibile che come sintomo spia o gia in fase latente si possa avere da 2 mesi il naso tappato o l infiammazione dei turbinanti o riniti? In assenza di altri sintomi classici dell hiv? Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Caro Signore,
i sintomi che riferisce non sono ascrivibili all'infezione da HIV e non esistono sintomi clinicamente individualbili che siano patognomonici di una infezione da HIV.
Nel suo caso avrà preso una sindrome influenzale.
Anche alcune manifestazioni dermatologiche, in questo momento mi viene in mente la Dermatite Seborroica, sono comuni nella popolazione e non possono in alcun modo permettere di fare diagnosi.
A riprova di quanto detto fanno testo i numerosi casi di HIV positività scoperti occasionalemente in soggetti perfettamente sani.
L'unico modo certo per conoscere il proprio status sierologico verso HIV è l'esecuzione del test: a 40 gg se di IV generazione e a 90 gg se di III generazione come il test Mylan che si acquista in farmacia.
Saluti cari.
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 467XXX

Iscritto dal 2017
Grazie dottore per la sua celere risposta. Volevo aggiungere che ieri sono stato dall otorinolaringoiatra, che mi ha diagnisticato con visita ai seni nasali una rinosinisite...anchessa non centra con l hiv? Leggendo su internet viene associata alla debolezza sel sistema immunitario. Magari interpreto male io? Grazie dottore
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Caro Signore,
a parte il fatto che le ho detto che non esiste una patologia che sia sicuramente patognomonica della infezione da HIV, se non quando insorgono le infezioni opportunistiche dopo decenni da distruzione del sistema immunitario, cioè l'AIDS conclamata, non capisco perchè lei si ostini a non voler fare il test che la libererebbe da un incubo.
Del resto se fosse, come penso e auguro, sieronegativo potrebbe starsene tranquillo; nella improbabile e malaugurata ipotesi che fosse HIV sieropositivo dovrà curarsi per evitare che l'HIV mini progressivamente il suo sistema immunitario.
Tertium non datur.
Cari saluti.
Caldarola.