Utente 229XXX
buongiorno. ho letto che a novembre 2008 si è tenuto a Roma un importante convegno sulla Dapoxetina. Volevo chiedere ai dottori se hanno qualche previsione sulla commercializzazione del farmaco. Qualcuno, ho letto, parla di primavera 2009

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergio signore,
la Dapoxetina non è tanto differente come impiego e risultati dai farmaci che lei ha assunto fino ad ora per il problema eiaculatorio che la affligge. Comunque a primavera dovrebbe essere disponibile.
Il congresso era quello della Soc.Italiana di Andrologia.
Ho letto il suo storico.
Tenga presente, che dal momento che questi farmaci hanno funzionato con lei, almeno a giudicare dallo storico in mio possesso, è molto probabile l' origine psicologica del suo problema, anche se ho visto che nel suo post precedente la nega.
[#2] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2006
buonasera dottore, io mi ero fatto prescrivere farmaci del genere ma poi non li assunsi mai. certo sara un fattore psicologico, ma mi creda non è affatto facile andare a risolvere il fattore psicologico. anche perche il soggetto tende a non capire il conflitto magari dell'inconscio. personalmente sono una persona serena che ha avuto una 15 di storie, quello che ho potuto notare è che meno ero coinvolto sentimentalmente e meno il problema si manifestava. leggendo della dapoxetina lo cosa interessante è che non va assunta tutti i giorni come gli psicofarmaci, che personalmente mi mettono timore...e credo giustificato. conto in primavera di provarlo anche perche credo se uno veda miglioramenti fisici anche a livello psicologico si innesca un meccanismo migliorativo.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egergio signore,
una sola puntualizzazione nel pieno rispetto della sua libertà:
anche i farmaci attuali possono essere assunti al bisogno dopo un periodo di aggiustamento terapeutico,
non spetta a lei la diagnosi di problema psicologico e/o di valutazione della difficoltà di risoluzione. Ed il suo racconto è tipico delle persone sentimentali: tipiche di un problema psicologico: più ci tengono peggio vanno.
A tale proposito mi permetto di dirle che le Ferrari vanno molto meglio delle Trabant, ma ci vuole più tempo a costruirle. Ora nella scelta fra facilità ed eccellenza tocca a lei scegliere.
Scusi: ma penso che compito nostro sia sradicare i problemi alla radice. E noi vecchi siamo testoni e pedanti.