Utente 480XXX
Buonasera dottori,
vi scrivo per questo problema che non riesco a risolvere: ho una febbricola persistente che non accenna a diminuire, accompagnata dai classici sintomi influenzali (mal di ossa, naso tappato, dolori , debolezza). il tutto va avanti ormai da più di tre mesi, tutti i giorni.
ho effettuato diverse visite:

- ESAMI DEL SANGUE: tutto nella norma
- TIROIDE: nella norma
- HELICOBATTERS: negativo
- STREPTOCOCCO: negativo
- VALORI FEGATO: nella norma

- URINE: trovato il valore dell'albumina alta, ma dal successivo esame urinocultura è rientrato nei limiti (nel primo esame il valore era 15 in un range da 0 a 15, dopo 4 gg era a 0, esame eseguito nello stesso centro). questa cosa mi sembra molto strana.

- RX TORACE: in attesa di esito ma nel precolloquio il radiologo dice di non aver visto nulla di particolare.
- VISITA OTORINO: fibroscopia in cui ha riscontrato un possibile reflusso, che sto curando con riopan + pantoprazolo.

la febbre si presenta tutti i giorni verso la fine della mattinata per poi sparire dopo cena. solitamente arriva a 37.2/37.4 non di più (temperatura presa sotto ascella).

All'inizio il medico mi diceva che poteva essere la mia temperatura normale, ma il fatto che siano associati sintomi influenzali non sembra attestare questa cosa. la mia paura è di avere qualche brutta malattia latente che fatica a manifestarsi e, in ogni caso, non so proprio come muovermi. Informandomi ho visto che la febbricola bassa continua che dura da mesi non è un bel segnale......

un suggerimento era stato quello di rivolgersi ad un infettivologo e/o un ematologo.
vorrei un vostro parere a riguardo, sono davvero molto preoccupato in quanto ogni giorno si rirpesenta la stessa situazione.
vi ringrazio molto.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
il consiglio di rivolgersi ad un Infettivologo o ad un ottimo Internista non è affatto fuori luogo.
Forse avrebbe dovuto avvenire prima di eseguire esami a caso su indicazione dello specialista che mai, se è degno di questo nome, prescinde dalla clinica. Cioè dal colloquio anamnestico e dall'esame accurato del paziente.
Putroppo il limite telematico non consente che di prendere atto della negatività degli esami già eseguiti e di tranquillizzarla perchè la situazione potrebbe essere ascrivibile a cause assai più banali di quelle che lei teme.
Per esempio una Mononucleosi, per cui non è stato testato od una infezione da Citomegalovirus.
Ma restiamo nell'ambito delle mere ipotesi.
Personalmente senza il paziente sul lettino io non posso azzardare sospetti diagnostici.
Ciò che potrà fare lo specialista, tra i due consigliati, ai quali le consiglio di rivolgersi.
Mi faccia pure sapere notizie se vorrà.
Un cordiale saluto.
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 480XXX

Iscritto dal 2018
buongiorno Dottore, innanzitutto grazie per la risposta velocissima.
Ho chiesto di farmi fare una richiesta per la visita dall'infettivologo, ma ovviamente ci vorrà del tempo di attesa....

ora mi rimane nel frattempo una rx al cranio per vedere che non vi sia qualcosa dovuto ad una sinusite latente o simili (sono sempre con naso chiuso, secco e in una RMN di anni fa mi avevano già riscontrato della sinusite).

cerco di non pensare a malattie importanti, ma la cosa che più mi rende perplesso è che la mattina quando mi sveglio e la sera dopo cena la febbre è assente. inizia la mattina verso le 11.00 con 37.2 e sale il pomeriggio/sera fino alle 21.00 con punte di 37.5.

per mia ignoranza presuppongo che se ci fosse qualcosa di grave dovrei avere sempre la febbre o comunque anche dagli esami del sangue e delle urine qualche valore sarebbe stato sballato.

so che da lontano non è possibile fare diagnosi, ma spero di ricevere un suo parere in merito a questo dubbi.
grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
suppongo anche io come lei che la causa della sua febbricola, con un andamento peraltro atipico, sia banale ma al di là delle supposizioni non posso andare.
Il gold standard per la diagnosi della sinusite è comunque la TC del massiccio facciale e non la RM.
Mi faccia sapere se vorrà.
Saluti
Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 480XXX

Iscritto dal 2018
in quel caso avevo fatto RMN per problemi che poi si rivelarono legati a stati ansiosi. Infatti riscontrarono solo sinusite.
A tal proposito il mio medico mi ha suggerito ieri di fare una RX cranio e seni paranasali per capire se vi possa essere qualcosa. In realtà ho sempre la sensazione di naso chiuso anche se non ho sintomi da raffreddore.
la disturbo ancora con un quesito: la Rx a suo parere è comunque un esame attendibile come la TC del massiccio che mi ha consigliato?

la ringrazio molto.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
una buona Rx del cranio e dei seni paranasali può fornire informazioni discrete.
Ma ovviamente non ha il potere risolutivo della TC, che ta l'altro in questo caso non necessita di mdc.
Saluti,
Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 480XXX

Iscritto dal 2018
La ringrazio moltissimo per la velocissima risposta. Molto bene... mi preparo a fare un ennesimo esame che non sarà del tutto esaustivo... confesso che non è simpatico continuare a passare da un esame all'altro senza avere nessuna idea di cosa possa essere.... è abbastanza scoraggiante.
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Beh allora faccia la TC del Massiccio facciale.
Ormai l'RX sei seni paranasali è una tecnica obsoleta.
Oppure vada a visita ORL e si faccia consigliare.
Io amico caro più di questo a tergo di un monitor non posso fare.
Cari saluti.
Caldarola.
[#8] dopo  
Utente 480XXX

Iscritto dal 2018
chiederò di farmi prescrivere una TC facciale. nel frattempo ho avuto l'esito dell'ecografia dell'addome in cui non è stato riscontrato nulla di particolare.
Documentandomi (forse non nel modo migliore, ovvero internet) vedo che la causa di una febbricola così lunga è molto spesso associata a linfomi, tumori etc. e non nascondo che è una paura che mi sta iniziando a insediare.
mi domando nella mia ignoranza: un'ecografia all'addome nella norma esclude problemi gravi come quelli?
la ringrazio
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve.
Una ecografia dell'addome negativa come la sua, escludendo una splenomegalia e linfoadenopatie profonde è un esame che la tranquillizza anche in relazione a quei pensieri "malsani" che si stanno insediando nella sua testa e che le consiglio di rimuovere immediatamente, cominciando a bandire le letture in rete.
Cercare le cause di una febbricola è compito del medico, ovviamente con l'esame clinico e, differentemente da quello che lei afferma, su internet non ci si documenta meglio ma ci si complica la vita inutilmente.
Ciò di cui, visto il suo stato ansioso, lei non ha proprio bisogno.
Mi tenga aggiornato, se vorrà, sui i futuri sviluppi.
Saluti cordiali e buona serata.
Caldarola.
[#10] dopo  
Utente 480XXX

Iscritto dal 2018
la ringrazio molto per la sua disponibilità. Spero di trovare un medico che indirizzi la sua ricerca per la mia febbricola e non che debba continuare a fare esami su esami senza una via da seguire.
nel frattempo mercoledì avrò una visita dall'infettivologo.
la aggiorno volentieri.
buona serata a lei.
[#11] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
A presto.
Caldarola.
[#12] dopo  
Utente 480XXX

Iscritto dal 2018
buongiorno dottore.. settimana prossima finalmente ho la tc facciale con e senza contrasto.
nel frattempo la febbricola non passa... siamo a più di tre mesi. nel pomeriggio rimane sempre a 37.3 fino alle sera.

ho fatto nel frattempo diversi esami infettivologici ma senza particolari riscontri:

- determinazione antigene aspergillare: 0,1
- mycoplasma pneumoniae ricerca lgG: negativo
- mycoplasma pneumoniae ricerca lgM: negativo
- hiv:negativo
- ag specifci linfociti T Cd4 - CD8: 0
- chlamydia trachomatis: non rilevato
- neisseria gonorrhoaeae: non rilevato
- mycoplasma genitalium: non rilevato
- ureaplasma urealyticum: non rilevato
- ureaplasma parvum: non rilevato
- trichomonas vaginalis: non rilevato

cytomegalovirus: non rilevato

test ag specifici linfociti T CD4: 0
urinocultura: negativa

non saprei interpretare questi risultati, ma mi sembrano negativi.

unica cosa è che rifacendo quelli generici del sangue che mi han fatto fare ora ho 3 valori sballati:

- linfociti: 18.5 nel range 20-50
- neutrofili: 73 nel range 40-70
- RDW: 11.4 nel range 11.5-14-5

1 mese prima gli stessi valori erano nella norma ma comunque con questo andamento di tendere i neutrofili verso l'alto e i linfociti verso il basso.
cosa può significare?

continuo a leggere che questa febbricola che non passa può essee sintomi di tumori o malattie autoimmuni... e non vedendo miglioramenti la cosa mi preoccupa molto.

la ringrazio per la pazienza.
[#13] dopo  
Utente 480XXX

Iscritto dal 2018
Buongiorno dottore,
le chiedo nuovamente un parere. nelle ultime settimane la febbricola non mi ha mai abbandonato e in più ho avuto due episodi di febbre alta a distanza di una settimana.

la tac facciale con e senza contrasto non ha rilevato sinusite per cui l'otorino si sente di escludere che il problema derivi da lì.....

non so più a chi rivolgermi, se continuare con l'infettivologo che approfondisca con altri esami o.....
non ho idea...

in questi giorni che ho avuto la febbre più alta ho iniziato su consiglio del medico di base un antibitioco (Levofloxacina) in effetti ora ho meno febbricola... arriva al max a 37.1 e durante il giorno sta sui 36.8.... ma come mi dice il medico potrebbe essere che quando finirò gli 8 gg di antibiotico la febbricola potrebbe tornare come prima....

la ringrazio, spero in un suo parere in merito.
[#14] dopo  
Utente 480XXX

Iscritto dal 2018
buonasera dottore... non ho più ricevuto un suo feedback.
la febbricola post antibiotico è migliorata, ma rimangono questi dolori articolari e muscolari sparsi tipici dell'influenza.
l'infettivologo dopo una seconda visita mi ha consigliato un ecocardiogramma per escludere problemi tipo endocardite subacuta (...).... ma inizia ad avanzare un'ipotesi che mi manda nel panico: sindrome da fatica cronica.
ovviamente la cosa mi terrorizza, pensare di non essere più in grado di far quello che ho sempre fatto... e in più nessuno mi dice chi dovrebbe indirizzarmi e soprattutto come per capire se potrebbe essere davvero questo....

spero in un suo riscontro.