Utente 948XXX
Ho 62 anni e non ho mai avuto problemi di ipertensione. Tuttavia ultimamente ne ho, in quanto i valori mediamente sono 150 e 80. La minima va bene, penso, la massima supera i 140. Al mattino a volte , appena alzato, ho 155 la massima. Ho fatto analisi del sangue complete e urine e sono perfetti. La mia alimentazione è mediterranea e sana. Ho il problema di russare soprattutto se sono raffreddato. Sto diminuendo il sale, e chiedo un consiglio su eventuali farmaci perchè sono diffidente. 150-155 è pressione alta ? Mi devo preoccupare? mia madre, le mie sorelle etc. sono tutte ipertese. Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
i valori pressori da lei riportati non risultano ottimali, l'approccio terapeutico più corretto è, oltre alle misure dietetiche adottate, è iniziare un'attività fisica. Vista la familiarità, risulta comunque necessaria una visita cardiologica per il corretto iter diagnostico/terapeutico. La terapia antiipertensiva si avvale di numerosi farmaci validi, si affidi al collega che la visiterà per eventuali chiarimenti.
Resto a disposizione per ulteriori consulti.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 948XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio, Dottore. Il mio medico è restio a darmi farmaci, e comunque faccio attività fisica perchè lavoro ancora e sono in movimento. Il mio medico di famiglia dice che la ipertensione è lieve ( da 140 a 160?). Le mie analisi sono nella norma, mi muovo abbastanza lavorando 6-7 ore al giorno. Sono perplesso. Se ho capito bene, lei mi consiglia una visita specialista cardiologica che il mio medico di famiglia non mi ha ancora consigliato? le sarei grato di una ulteriore risposta e la ringrazio vivamente.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,
la risposta è si, le consiglio una visita cardiologica, solo dopo si potrà decidere se è il caso o meno di intraprendere una terapia farmacologica.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 948XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio. La farò. Mi permetto di fare una riflessione. Si leggono tante cose in Internet sulla ipertensione e sui valori. Io ho sempre pensato che fino a 150 o 160, con una minima normale , forse la situazione non fosse troppo preoccupante perchè non mi è mai stato detto altrimenti nè mi è stato mai consigliato un farmaco pur avendo spesso questi valori da anni. Si leggono cose contrastanti sulla ipertensione perchè stando bene in salute e con esami le assicuro perfetti non so cosa fare, vista la mia dieta buona e sana e il discreto movimento. Lei pensa che un buon farmaco possa bastarmi? E quali esami dovrei fare per capire cosa?
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, l'ipertensione arteriosa è spesso una patologia subdola, povera talora di sintomi e in taluni casi la prima manifestazione, invece di essere un semplice mal di testa (cefalea) o un affanno (dispnea), risulta essere l'ictus o una insufficienza renale (ad es.). Si tratta, pertanto, di una patologia a lungo andare invalidante che va necessariamente trattata. I primi esami da sottoporsi, oltre alla analisi del sangue e urine, saranno a livello specialistico ECG ed ecocardiogramma.
Saluti
[#6] dopo  
Utente 948XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dottore , mi scuso per il ritardo della risposta. Intanto la ringrazio e condivido il suo consiglio. Questa sera ho parlato con il mio medico di famiglia dopo aver monitorato per 10 giorni la mia pressione che è in media maggiore di 140 la max e minore di 90 la min. Quindi si potrebbe ipotizzre una ipertensione sistolica isolata , tipica della mia età. Mi è stato detto che non ho fattori di rischio perchè sto bene in generale.Potrei provare, mi è stato detto, per 15 giorni a fare una dieta senza sale e grassi, monitorare la pressione e poi , se tutto non varia, mi verrebbe prescritta una pillola. Ho chiesto di fare l'elettrocardiogramma. Comunque, ho deciso di andare per prevenzione anche da un cardiologo ugualmente. Lei pensa che mi stia orientando correttamente e che la diagnosi possa essere quella giusta? Nel frattempo, le faccio mille auguri di Buon Anno.
[#7] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
L'orientamento finora consigliatoLe è senza dubbio corretto: dieta povera di sodio, attività fisica (non quella lavorativa, però!), visita specialistica cardiologica con l'esecuzione degli esami che il collega reputerà opportuni, eventuale succesivo intervento terapeutico. Ho qualche perplessità sulla diagnosi di ipertensione sistolica isolata, che è comune in soggetti di età più avanzata (oltre i 70-75): mi orienterei verso la più banale, ma non per questo meno importante, ipertensione arteriosa essenziale.
P.S. Lei dichiara 62 anni, ma il suo post riporta 51: dov'è l'errore?
Buon Anno anche a Lei
[#8] dopo  
Utente 948XXX

Iscritto dal 2008
Dr. Fedi, ho effettivamente 62 anni. Buon Anno ancora.