Utente 942XXX
Ho 49 anni, e familiarità con malattie cardio-vascolari.In seguito ad episodi severi di vertigini, avuti nel mese di agosto e che si sono protratti ,in maniera più lieve fino a novembre, ho eseguito tra l'altro le analisi per la trombofilia, che hanno evidenziato :antitrombia 123;fattore II variante (g2021oa) positivo-genotipo eterozigote;MTHFR C677T positivo-genotipo eterozigote. Nel settembre 2007,in seguito a ripetuti episodi di sincope con cardiopalmo , sono stata sottoposta allo studio elettrofisiologico del cuore con ablazione efficace della via lenta per tachicardia reciprocante della giunzione atrio-ventricolare,tipo slow-fast.Dall'ecocardiogramma si evidenzia prolasso valvola mitralica lieve con ispessimento e minima insufficienza valvolare;dilatazione dell'anello tricuspidale con lieve insufficienza ; aorta continente,normali dimensioni cinetica e indici di funzione del VS; normali le dimensioni dell'AS; lieve dilatazione dell'AD.Vado soggetta molto spesso a mal di testa pulsanti sulle tempie,che non mi danno tregua (due -tre episodi alla settimana);il medico mi ha prescritto Atenololo 25 mg al mattino e Ascriptin 1 compressa la sera ed ho notato un netto miglioramento per il mal di testa. .Vorrei sapere se la terapia dall'Ascriptin può essere dimezzata in quanto soffro di ernia iatale e gastrite cronica,anche se prendo una compressa di Mepral 20 al giorno e se i disturbi di geloni ai piedi, che mi sono sopraggiunti in questi giorni ,possono essere imputabili all'uso di Atenololo. Grazie per la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
riguardo la terapia antiaggregante l'eventuale riduzione del dosaggio è in linea teorica possibile, ma va concordata sempre con il cardiologo che la segue, per quanto consiste i disturbi vascolari ai piedi andrebbe in realtà effettuata dapprima una ecografia colordoppler venosa a carico degli arti inferiori per poi decidere su una eventuale modifica terapeutica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 942XXX

Iscritto dal 2008
Nel ringraziarla per la tempestiva risposta, vorrei sapere se è il caso che anche i miei figli eseguano le analisi per la trombofilia e se l'antiaggregante prescrittomi serve proprio per evitare rischi di trombosi.Il cardiologo mi ha prescritto 1 compressa di Ascriptin,mentre il mio medico di base è favorevole a metà dose,in quanto dice che la Cardioaspirina è da 100 mg,mentre l'Ascriptin è da 300 mg.Il 30-09-2007 ho eseguito eco-doppler arti inferiori che non ha evidenziato anomalie: arterioso- asse femoro-popliteo-tibiale con normali calibro, decorso ed ecostruttura. Il fronte di propagazione del segnale Doppler e l'analisi spettrale dei flussi sono normali per l'età. Venoso-rete profonda canalizzata, con regolare modulazione respiratoria delle correnti. Crosses continenti.Pensa che dovrei ripetere l'esame?Cosa potrei assumere per il fastidioso disturbo dei geloni?La ringrazio e le invio auguri per il nuovo anno.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Sarebbe utile che alla analisi genetica si sottoponessero tutti i discendenti e collaterali di I grado. Circa i geloni, trattasi di una manifestazione patologica a carico del microcircolo periferico, la cui cura spetta per competenza all'angiologo.
Auguri.