Utente 481XXX
Salve, nel mese di dicembre sia io che mia moglie abbiamo avuto per una decina di gg una forte sensazione di bruciore della lingua ( prevalenza laterale anteriore). Con il passare dei giorni sono rimaste deboli sensazioni di indolenzimento che passavano da destra a sinistra. Il fenomeno di indolenzimento si riacutizza saltuariamente ormai da tre mesi. Le papille foliate ( solo a me ) hanno dimensioni pari a 4/5 mm circa e la lingua presenta una patina giallastra con alcune papille leggermente allungate.il dottore mi ha prescritto tampone streptococco A / negativo. Ma comunque mi ha prescritto zitromax 3 gg al.termine del quale non si evidenziano miglioramenti. Cosa può essere? Hpv/candidosi/herpes? Cosa consigliate? Grazie mille. Saluti
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
Molte sono le condizioni che possono primariamente insorgere a carico della lingua. Ovviamente da qui non possiamo conoscere se siete affetti da qualche patologia, o se si tratta di altre condizioni fisiologiche o parafisiologiche. Pertanto le consiglio di effettuare una visita dermatologica anche per capire se la sintomatologia che descrivete sia appannaggio di condizioni cliniche dermatologiche ossia dettata da condizioni Psicosomatiche. Solo il dermatologo potrà fare diagnosi con certezza.
Le invio molti cari saluti
Dott.Laino
[#2] dopo  
Utente 481XXX

Iscritto dal 2018
Egregio Dottore conoscendo l impossibilità di fare diagnosi a distanza la mia domanda si fondava su alcuni elementi forniti in merito alle natura contagiosa ed alla sintomatologia. Di certo la volontà di effettuare visita specialistica era già presente prima di postare il presente consulto, che a mio avviso può essere utile all'utente nel restringere il campo di possibili patologie o eventualmente prendere atto di eventuali esami a cui sottoporsi. Altrimenti che senso avrebbe un consulto online? Ringraziandola comunque per la risposta, porgo distinti saluti.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
L'esclusione della patologia contagiosa non può essere fatta da qui parimenti ad altre cause, ma se posso aiutarla, direi che la descrizione che fa del suo caso, non sembrerebbe affatto relegabile ad un processo infettivo e trasmissibile.

Avevo inoltre citato la possibilità delle malattie psicosomatiche che non vanno mai escluse quando una coppia riferisce sintomi come questo.

Come vede qualcosa le avevo detto fra le righe pur nella consapevolezza che i nostri sono orientamenti medici e specialistici che in alcuni casi possono dire poco ma in altri aiutare tantissimo i pazienti: non tutti i casi sono uguali, come credo ben comprenderà.

ancora saluti
Dr Laino